Fiba Europe Cup – Impresa solo sfiorata. Cantù saluta la competizione

Hodge Walter,Cantù VS De Nicolao Andrea, Reggio Emilia-177

Accarezza soltanto l’impresa la FoxTown Cantù, chiamata a vincere di 29 punti contro i francesi di Chalon, già matematicamente primi nel Gruppo R, per acquisire il vantaggio nel quoziente canestri contro i russi dell’Enisey, ieri a valanga 70-96 sul campo del Tartu Rock. Non basta una partita giocata tutta sul piano dell’intensità, fin dal veemente avvio col parziale di 21-4 che regala l’impressione di potersela giocare. Abass (15 dei suoi 16 punti nella prima metà) e Johnson (16 più 6 reb) caricano il Pianella, con Ukic (14 e 4 assist) e Hodge (16 più 13 assist) a distribuire palloni in un attacco ad alto ritmo e Cantù vola fino al virtuale -2, 51-24 a metà secondo quarto, contro i francesi che praticamente camminano in campo.

Se la FoxTown controlla il pitturato (50-26 il bilancio dei punti in area) soprattutto con Fesenko (16 e 10 reb), coach Choulet imposta una partita fatta di movimento di palla e tiro da tre, i cui effetti cominciano a vedersi a cavallo dell’intervallo lungo. Evtimov (12, 4/8 da tre) e l’ex Virtus Hazell (13, 3/8 dai 6.75) firmano il 6-14 che taglia a 19 il vantaggio biancoblu all’intervallo.

Ma il trend si consolida ancora di più nella ripresa con Chalon che chiuderà 16/40 dall’arco (a fronte del solo 15/27 da due) e un chirurgico Bouteille (22, 6 reb, 3/5 da tre) che sale in cattedra per stoppare la rimonta dei brianzoli. Con Hodge e Fesenko i padroni di casa accarezzano ancora il +23, ma in una partita di parziali l’ennesima serie di triple transalpine produce lo 0-11 che spegne quasi definitivamente le speranze di passaggio del turno. Cantù ha il merito di non arrendersi, con Ukic e un Heslip (14, 3/8 da tre) che non riesce a entrare in serie ma punteggia con le sue triple il +20 a cavallo degli ultimi due quarti. Tutto inutile sulle risposte di Bouteille, due volte, Evtimov e Michineau, quattro siluri dai 6.75 che mandano i titoli di coda in un match che si scalda nel finale. Ne fa le spese Hazell, espulso dopo un battibecco col pubblico, ma Cantù ha finito la benzina e non va oltre gli elogi per averci provato. Finisce 103-90, ma la qualificazione non è sfuggita stasera, considerato che un’intensità simile avrebbe probabilmente spazzato via gli estoni del Tartu, corsari qui la scorsa settimana
Mvp – il primo tempo di Awudu Abass (16, 4/4 da due, 2/5 da tre, 4/6 TL, 5 reb, 4 assist) gli vale il nostro titolo di Mvp per aver dato fin dal primo minuto il segnale sul piano emotivo dell’intensità che andava messa in campo. Messaggio che si spera recepito dalla squadra in funzione del finale di campionato

Statistiche e tabellini:
Foxtown Cantu’ – Elan Chalon 103-90 (36- 19, 57- 38, 83- 64)
Foxtown Cantu’: Ukic 14, Abass 16, Heslip 14, Zugno ne, Nwohuocha ne, Wojciechowski 8, Cesana, Johnson 16, Tessitori 4, Fesenko 15, Hodge 16. All. Bazarevich.
Elan Chalon: Kalinoski 8, Hazell 13, Michineau 5, Bouteille 22, Lessort 8, Evtimov 12, Ndoye, Roberson 13, Missonier ne, Brownlee 9. All. Jean Denys Choulet.
Tiri da due: Chalon 15/27,Cantù 26/36
Tiri da tre: Chalon 16/40, Cantù 11/31
Tiri liberi: Chalon 26/31, Cantù 9/15
Rimbalzi: Chalon 36 (13 off.), Cantù 37 (11 off.)
Assist: Chalon 21, Cantù 29
Palle perse: Chalon 17, Cantù 13
Palle recuperate: Chalon 7, Cantù 8
Stoppate: Chalon 1, Cantù 2

©BasketItaly.it – Riproduzione riservata

6 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *