Champions League: La Virtus Bologna ha la meglio sul Besiktas 90-94

ufficio stampa virtus bologna

La Segafredo Virtus Bologna si conferma imbattuta in Champions League, 5 vittorie su 5 incontri fin qui disputati. A Istanbul le Vunere hanno avuto la meglio sul Besiktas Sompo Japan per 90-94. Reazione doveva esserci e reazione c’è stata dopo la sconfitta con Venezia domenica. Nonostante l’assenza di Kelvin Martin, i bianco-neri hanno condotto praticamente per larghi tratti di match, arrivando varie volte al +10, senza però mai chiudere la partita contro una squadra piena di talento ma apparsa ancora troppo legata alle individualità dell’ex Pistoia Kyle Gibson (22 e 7 assist) e l’e Mvp del campionato italiano Jason Rich, ma poca consistenza hanno trovato. La Segafredo ha ritrovato il miglior Brian Qvale con 15+9 rimbalzi, bene anche Aradori (16) e Tony Taylor (21) che come ad Avellino si è acceso nell’ultimo quarto. Da segnalare anche l’ottima partita di Pajola, 6 punti e gran difesa, e la freddezza di M’Baye che dopo una partita difficile ha messo il canestro decisivo a 1′ dalla fine.

CRONACA_ Primo quarto dove la Virtus tocca il massimo vantaggio sul 6-11 con M’Baye e Qvale. Reazione turca con Geyik e Gibson che ribalta il punteggio sul 18-16. Kravic offre una buona presenza sotto i tabelloni, ma è il Besiktas con la tripla di Pressey a chiudere i primi 10′ sul 21-19. I turchi toccano il +4 con Benzing, ma arriva il break delle Vunere di 0-8 con Taylor, Punter e Qvale. Pajola porta un buon contrinuto in difesa, e le triple di Aradori e Punter danno il +8, 29-37 dopo 15′, time-out Ivanovic. Punter trasforma un gioco da 4 punti e Bologna si porta sul +10, 33-43. Gli “ex italiani“ Alexander e Gibson sono linfa offensivamente per i padroni di casa, ma Qvale è importante sotto le plance consentendo il canestro di Aradori che chiude il primo tempo sul 41-47.
Si torna in campo, e diventa un match ad alto ritmo dove gli attacchi prevalgono: Buva fa male in post basso, ma Aradori con una fiammata insieme al solito Qvale dà alla Virtus il nuovo +10, 51-61 al 24′, time-out Besiktas. I bianco-neri di casa trascinati da Benzing, Gibson e Veyseloglu riducono il gap e con un 2/2 di Sipahi ai liberi chiudono il terzo quarto sotto di 2, 66-68. Ultimo quarto. Con i 4 falli di Punter, Pajola trova tanti minuti sul parquet; viene chiamato un tecnico a Ivanovic, poi un antisportivo a Qvale, ma l’elastico tra le due compagini è sempre tra i 4 e i 6 punti. Rich con la tripla dà il -2 turco a 5’37”, Pajola segna due liberi cruciali ma è Tony Taylor a prendersi la scena con tripla e una penetrazione che dà alla Virtus il +7 a 4′ dalla fine, 82-87 con i liberi di Buva, time-out di Sacripanti a 2’53” dalla fine, il suo primo della partita. Rich e Benzing dalla lunetta danno il -2 al Besiktas, ma M’Baye dal gomito segna un importante canestro che risulterà decisivo per l’inerzia, Aradori sbaglia venendo stoppato ma Qvale in difesa subisce fallo e dalla lunetta fa 2/2. 88-94 a 21”7, time-out Besiktas. I turchi sbagliano con Benzing la tripla del -1, e nonostante due sciocchezze di Punter e Qvale, è vittoria Virtus per 90-94.

MVP BasketItaly.it: Tony Taylor.

Besiktas Sompo Japan – Segafredo Virtus Bologna 90–94 (21-19; 41-47; 66-68)

Besiktas: Pressey 5, Veyseloglu 8, Utku Al, Geyik 3, Alexander 7, Benzing 10, Cantekin 2, Gibson 22, Maxim Mutaf, Sipahi 10, Buva 12, Rich 11. Coach: Dusko Ivanovic.

Virtus Bologna: Punter 15, Pajola 6, Taylor 21, Baldi Rossi 3, Cappelletti, Kravic 8, Aradori 16, Berti ne, M’Baye 7, Cournooh 3, Camara, Qvale 15. Coach: Stefano Sacripanti.

Arbitri: Antonio Conde (Spagna), Radomir Vojinovic (Montenegro) e Wojciech Liszka (Polonia).

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata