fbpx

Champions League – La Virtus Bologna cade in Francia in gara-1, Nanterre vince 83-75.

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che praticano sport

foto da pagina Facebook Virtus Segafredo Bologna

Parte in salita il quarto di finale di Basketball Champions League per la Segafredo Virtus Bologna che cade in Francia contro il Nanterre92 per 83-75. Prima sconfitta per coach Sasha Djordjevic sulla panchina virtussina.

In un match sviluppato sul filo dell’equilibrio per tutto il primo tempo (20-18 francese al 10′, 40-39′ all’intervallo), e anche dopo tre quarti di gara (62-59 al 30′), la svolta è arrivata nell’ultimo periodo con lo strappo decisivo della squadra transalpina – sfruttato grazie a un momento di tensione con qualche storia tesa fra giocatori, soprattutto fra Demetrius Treadwell e Kevin Punter, puniti entrambi con un antisportivo, e un tecnico chiamato a Mario Chalmers con il palasport francese a scaldarsi un po’ troppo – con uno scatenato Julian Gamble arrivando al +9 casalingo (73-64 a 6’46” dal termine). Tony Taylor prova a prendere in mano la V Nera, ma fa errori troppo superficiali. E così a meno di 2’ dalla fine arriva la doppia cifra di vantaggio per i padroni di casa (82-71 con i liberi di Konate a 1’31”). Nell’ultimo minuto M’Baye segna due canestri dentro l’area per il -7. Poi un libero di Gamble, e l’errore finale di Aradori. 83-75 il finale.

In una partita così intensa, pesano tanto i rimbalzi (39-33 per i francesi, che ne hanno catturati ben 14 offensivi) e gli errori dalla lunetta: i bianconeri ne hanno sbagliati ben 9, 17/26.

Per i francesi il top scorer è Jeremy Senglin, autore di 16 punti, 6 rimbalzi e 4 assist. Ottima prova anche per il pivot Julian Gamble, autore di una doppia-doppia da 12 punti e 12 rimbalzi. Haukur Palsson contribuisce con 14 punti.
Alla Virtus Bologna non bastano i 15 punti di Kevin Punter e gli 11 di Amath M’Baye e Tony Taylor.

Nulla di compromesso per il ritorno, ma si partirà in salita dal -8 per cercare di conquistare il traguardo delle Final Four.