Home Coppe Europee FIBA Champions League BCL: Evans non basta, Sassari cade ad Ostenda

BCL: Evans non basta, Sassari cade ad Ostenda

0

Sassari non riesce ad esprimere la sua solita pallacanestro soprattutto dal punto di vista mentale e cade in Champions ad Ostenda, rimandando la matematica qualificazione al prossimo turno.
La cronaca:

Ostenda cerca da subito il lavoro nel pitturato e prova ad attaccare il ferro, tenendo alto il ritmo gara e spingendo Pozzecco ad usare un time out per tenere sul pezzo i propri giocatori dopo un 8-2 iniziale; Sassari soffre nelle uscite dai blocchi e non riesce a costruire per i suoi esterni dalla lunga, la scelta di conseguenza è quella di andare nel pitturato e la Dinamo si riavvicina. Il sorpasso è a firma di Pierre, Sassari punisce i raddoppi necessari sui propri lunghi e colpisce dalla distanza, mentre Ostenda prova a rispondere con i suoi esterni.
La Dinamo apre la forbice, la coperta corta difensiva da parte dei Belgi permette a Sassari di costruire tiri ad alta percentuale, alternando le scelte per sfruttare i raddoppi, i padroni di casa si innervosiscono e trovano il secondo fallo tecnico di giornata, che serve però per chiarire le idee degli uomini in giallo; Ostenda riesce infatti a colpire dalla lunga distanza, trova fiducia che si tramuta in buoni possessi difensivi e gli uomini di Gjergja, costruiscono trascinati da McIntosh un parziale di 11-2, che vale il sorpasso in chiusura di quarto: 25-22 al 10’.

Ostenda continua a colpire dalla lunga distanza, cosa sorprendente rispetto alle percentuali della stagione, Sassari è costretta ad uscire dall’area per difendere, ma non riesce a trovare le giuste contromisure finendo sino al -8; la sensazione è che la Dinamo possa chiudere in qualsiasi momento il gap, grazie ad un tasso di talento superiore, il pregio maggiore però dei padroni di casa è quello di sfruttare al meglio la propria fisicità e di tenere sempre alta l’asticella della concentrazione, soprattutto nelle varie pieghe della gara, cosa che permette ai Belgi di mantenere la testa della partita. Spissu e compagni si riavvicinano in chiusura di quarto, grazie al lavoro di Bilan, ma al 20’ i padroni di casa comandano di 4, sul 46-42
La strigliata di Pozzecco dopo la pausa lunga sembra dare i suoi frutti, la Dinamo fa uno step in avanti nei cambi difensivi, Spissu e Vitali trovano le prime triple di serata e Sassari mette la freccia; Ostenda soffra la difesa sugli esterni, la situazione falli inoltre penalizza la fisicità nei contatti nella propria metà campo e il Banco sembra poter allungare, Djordjevic però non è d’accordo, il play classe ’83 continua a colpire dai 6.75 anche forzando e i Belgi riescono a riprendere e tenere la testa nel punteggio.
La regia dei Belgi non cala di lucidità nelle mani di Van der Vuurst classe ’01, Sassari continua ad inseguire da vicino grazie al solito Evans, ma non riesce a piazzare un break che possa far voltare l’inerzia mentale della gara; è proprio la concentrazione a fare la differenza, la Dinamo non riesce a imporre il proprio gioco, ne in contropiede, ne vicino a canestro, senza trovare continuità difensiva, che tolga fiducia ai tiratori belgi, mai così in palla come in questa gara 64-61 al 30’.
Sassari continua ad inseguire senza riuscire a trovare continuità nel gioco, Evans è una risorsa, ma da solo non basta per dare una spallata alla gara e far voltare definitivamente l’inerzia, mentre la regia di Van der Vuurst continua a sorprendere, la partita si decide a 3’ dalla fine, Vitali, sembra entrare in ritmo con una tripla, cerca di concedere il bis subito dopo per chiudere il gap, ma sulla sua conclusione arriva il fallo tecnico per flopping che di fatto chiude la gara, Ostenda costruisce 4 punti in fila, McIntosh firma il +9 e la Dinamo è costretta a forzare per riaprire la gara; tempo e fortuna diventano ancora una volta alleati dei padroni di casa, il Banco non riesce a piazzare un break che possa riavvicinarla nel punteggio per mettere sotto pressione i padroni di casa e Ostenda si rilancia per la qualificazione al prossimo turno vincendo 88-82.