Banks ne fa 31, Stone con il buzzer beater: Brindisi batte Bonn 76-75

Prima storica vittoria in Champions League per la Happy Casa Brindisi che arriva alla seconda giornata contro la Telekom Basket Bonn per 76-75. Un match fatto di momenti che ha visto le due squadre farsi battaglia dal primo minuto, dai 31 punti dell’ormai certezza Adrian Banks all’attacco in volata dei tedeschi che ha sorpreso puntualmente i brindisini. 

Brindisi orfana di John Brown non si lascia intimorire dalla formazione tedesca e parte bene in contropiede guidata dall’esperienza del capitano Adrian Banks (23 punti nel primo tempo), tanto da essere sopra di dieci lunghezze all’inizio del secondo quarto. Bonn studia bene i cambi in difesa dei padroni di casa e li sorprende puntualmente con preziosi alley-oop; Mc Kinney Jones e compagni firmano un parziale di di 23-16 chiudendo sul 43 pari all’intervallo.

Il match sale di intensità, le difese lavorano bene e mentre la Telekom Bonn è sfortunata al tiro, Brindisi non controlla in attacco e sciupa tanto sotto canestro. Breunig e DiLeo corrono a firmare un mini vantaggio, poi ci pensa Zanelli, seguito da Stone, a risvegliare la Happy Casa e il suo pubblico, firmando il controsorpasso del +5. Si decide tutto nell’ultimo minuto, botta e risposta da entrambe le parti, Martin con il semigancio, DiLeo replica, ma è il canestro di Stone sul suono della sirena che decide le sorti della partita.