fbpx

Un quarto quarto strepitoso dell’Olympiacos condanna il Bayern di Flaccadori al fondo della classifica

Arriva la sesta sconfitta consecutiva per il Bayern Monaco, in Turkish Airlines Euroleague, che lo relega all’ultimo posto in classifica con 6 vittorie e 14 sconfitte. Punti importanti, invece, quelli conquistati oggi dall’Olympiacos, che lo elevano al 12° posto con 8 vittorie e 12 sconfitte.

La partita ha un avvio lento, con molti errori al tiro da entrambe le parti. I protagonisti del 1° quarto sono i tedeschi che approfittano delle difficoltà dei padroni di casa per condurre, salvo venire sorpassati sul finale con un tiro in transizione di Baldwin per il 17-14. Rinfrancati dal vantaggio, i greci mettono più determinazione in difesa, aggiustano la mira e provano a scappare, ma nei minuti che precedono la pausa di metà gara sul +11, subiscono un parziale di 0-6 che rimette in partita gli avversari. Si va negli spogliatoi sul 37-32, con un solido Monroe che si avvicina alla doppia doppia e un letale Brandon Paul a quota 10 punti.

Al rientro in campo, uno scatenato Vladimir Lucic conduce i suoi alla rimonta con un parziale di 0-10, per il 37-42. Il primo a riscuotersi è Antonios Koniaris, che mette 2 triple importantissime, coadiuvato dalle torri Printezis e Milutinov, incontrastati specialisti dell’area. A 30 secondi dalla fine, un fallo di Koponen manda in lunetta Koniaris che, con un 2/2, riporta la sua squadra in vantaggio 54-53. Nell’ultimo quarto l’Olympiacos, gira molto bene la palla, soprattutto con Rochestie, che trova sempre l’uomo libero o la giocata giusta e, cala il jolly. Sasha Vezenkov nei primi 30′ di gara era 1/3 da 2, mentre negli ultimi 10′ ha fatto registrare il suo career-high di Turkish Airlines Euroleague, mandando a bersaglio ben 18 punti. Con l’Olympiacos on fire dall’arco (7/10), il Bayern è sparito completamente dalla partita. Finisce 89-72.

Doppia doppia per Greg Monroe, con 11 punti e 12 rimbalzi. Ottima prova anche per Vladimir Lucic, il migliore dei bavaresi, con 15 punti e 5 assist. Importante prestazione da 15 punti per Thomas Bray che, reduce da un lungo infortunio, ha debuttato solo due giorni fa, con la maglia del Bayern. Da rivedere, invece, la difesa ospite che, nel quarto decisivo ha concesso ben 35 punti ai padroni di casa.

MVP della partita Sasha Vezenkov con 20 punti (2/4, 5/6, 1/1), 5 rimbalzi, 1 recupero per 24 di valutazione. Career-high per punteggio (20) e valutazione (24)

MVP – L’ex Barcellona Sasha Vezenkov

Solo panchina per il nostro connazionale Diego Flaccadori. Il recupero dei giocatori infortunati, l’arrivo di Sisko, nonchè l’addio di coach Radonjic hanno ridotto al lumicino l’impiego del giocatore ex Trento.

Finita questa settimana con il doppio turno di Eurolega, giovedì l’Olympiacos andrà in Russia, nella tana dello Zenit Petersburg, che farà di tutto per allontanarsi dall’ultima posizione, contando sull’arrivo del Maccabi a Monaco. Domenica arriva una trasferta molto insidiosa per il Bayern in BBL. I campioni di Germania, ultimi in Turkish Airlines Euroleague, sono in vetta e imbattuti in Bundesliga e andranno a trovare la squadra un gradino più sotto, il Ludwigsburg.

 

OLYMPIACOS PIRAEUS – FC BAYERN MUNICH 89-72 (17-14/ 37-32/ 54-53)

Olympiacos: Rochestie 2+12 ass, Baldwin IV 10, Paul 10, Charalampopoulos, Koniaris 10, Spanoulis 6, Milutinov 6, Vezenkov 20, Printezis 10+ 6r, Papanikolaou 1, Rubit 14

Bayern: Bray 15, King ne, Koponen 8, Monroe 11+12r, Lucic 15, Lo 8, Zipser 5, Flaccadori ne, Barthel 5, Lessort, Huestis 5, Radosevic