Home Coppe Europee #Euroleague2021: Panathinaikos corsaro in Russia, il Fenerbahçe batte la Stella Rossa
Lorenzo Brown, vittorioso contro la sua ex squadra - Credit: Fenerbahçe Digital #Euroleague2021: Panathinaikos corsaro in Russia, il Fenerbahçe batte la Stella Rossa

#Euroleague2021: Panathinaikos corsaro in Russia, il Fenerbahçe batte la Stella Rossa

0

La Turkish Airlines Euroleague continua a regalare spettacolo nella sua giornta inaugurale. Vittoria a sorpresa del rinnovato Panathinaikos sul campo del Khimki per 76-78, mentre il Fenerbahçe post-Obradovic non ha avuto problemi a sbarazzarsi della Stella Rossa per 77-63.

Khimki Mosca – Panathinaikos 76-78

Se l’anno scorso Khimki e Panathinaikos erano squadre che lottavano chiaramente per un posto ai Playoff, entrambe sembrano essere scese di un livello in questa stagione 2020/21. Inoltre, l’assenza per infortunio della stella dei russi Alexey Shved, assieme a quelle di McCollum, Monroe e Jovic, hanno debilitato ulteriormente il roster a disposizione di Rimas Kurtinaitis. Con il solo Devin Booker (15 punti) sugli scudi per i russi, il Panathinaikos è partito molto meglio, chiudendo il primo quarto avanti 17-24 con un gran Ioannis Papapetrou (16 punti, 8 rimbalzi). Meglio i russi nel secondo parziale e risultato di 39-41 all’intervallo. Il Khimki ha reagito in avvio di ripresa, ma un insolito 1/7 in triple di Dairis Bertrans ha penalizzato i padroni di casa, che sono caduti sul finale, al temine di un teso ultimo quarto giocato punto su punto.

https://twitter.com/paobcgr/status/1312105747044429825?s=20

Fenerbahçe – Stella Rossa 77-63

C’era curiosità attorno al nuovo corso del Fenerbahçe, dopo la partenza di giocatori storici come Gigi Datome, Nikola Kalinic e Kostas Sloukas, e soprattutto dell’iconico allenatore Zeljko Obradovic, ma la scommessa per Igor Kokoskov, l’unico allenatore europeo di nascita a vantare un passato come head-coach in NBA, ha fatto capire che il Fener ha chiuso un ciclo per aprirne subito un altro. Un Obradovic alla Ülker Arena (vuota) c’era: Sasa, il coach della Stella Rossa. La squadra di Belgrado, nonostante l’innesto del tiratore di classe di Jordan Loyd proveniente da Valencia, migliore dei suoi con 15 punti, non è stata all’altezza del suo rivale.

L’autentico protagonista della sfida è stato l’ex di turno: Lorenzo Brow, passato in estate al Fenerbahçe, e che ha messo a referto 17 punti. Molto bene anche Nando De Colo, autore di 12 punti, 7 assist e 3 rimbalzi.

https://twitter.com/EuroLeague/status/1312110993535893506?s=20