Milano conferma: il forum é un fortino inespugnabile e anche il Pana si inchina

 david moss, urlo, milanoGiunti al giro di boa del girone di top16, l’Olimpia riaffronta il Panathinaikos partendo dalla brutta sconfitta con 16 punti di scarto rimediata ad Atene. I padroni di casa non riescono a ribaltare il risultato dell’andata ma portano comunque a casa una vittoria tanto meritata quanto sofferta. I biancorossi giocano infatti una prima metà di gara spumeggiante chiudendo con 15 punti di vantaggio alla pausa lunga. Nelle ultime due frazioni di gioco l’esperienza e il buon gioco riporta il Pana in partita ma nel finale i padroni di casa stringono i denti e, forti del vantaggio precedentemente accumulato, ottengono la vittoria.

CRONACA. Milano apre il girone di ritorno di Eurolega schierando Hackett, Langford, Moss, Melli e Samuels mentre i bianco verdi rispondono con Diamantidis, Maciulis, Gist, Ukic e Lasme. Le squadre aprono la partita mostrando attacchi ben ragionati, a volte macchinosi ma efficaci, e difese molto intense. L’equilibro la fa da padrone gettando buone premesse per una partita combattuta fin da subito: 7-6 per gli ospiti dopo 4 minuti di gioco. Col passare dei minuti Milano mette la testa avanti sul 13-11 grazie alla schiacciata di Samuels ben imbeccato da Melli, mentre tra le fila dei greci fa il suo esordio nella gara ex Olimpia Fotsis, accolto dal Forum con un mare di fischi. Nel finale del quarto Milano tenta la prima mini fuga, siglando con Jerrells la tripla del 19-13, risultato con cui si chiude la prima frazione. Nella seconda frazione Milano continua il suo allungo e, prima con il lay up di Gentile e poi con la tripla di Jerrells, si porta sul 24-15. Gli ospiti vanno fuori giri in attacco e le scarpette rosse li costringono alla seconda infrazione di 24 secondi della gara. A metà frazioni Milano é avanti in doppia cifra sul 29-19. Show di Cerella che prima mette la tripla del +15 dedicandola al connazionale Palacio, seduto a bordo campo, e poi stoppa Gist nell’altra metà campo: i biancorossi col pallino del gioco in mano e il pubblico del forum é già caldissimo. Il Pana chiude la prima metà della gara con la tripla sulla sirena di Bramos che però non mette in discussione la supremazia dei padroni di casa, avanti per 41-26 sugli avversari. Dopo 20 minuti di gioco il tabellino di Milano é la conferma del gioco di squadra mostrato dai padroni di casa che non hanno giocatori in doppia cifra (Jerrells e Langford 8 e Gentile 7) ma, fatta eccezione per Kangur, tutti i giocatori che hanno bagnato il parquet hanno segnato. Per il Panathinaikos buona prova di Gits (7 punti e 3 rimbalzi) e Bramos (7 punti tutti nel secondo quarto).

Milano riparte con il freno a mano tirato e i greci mettono un 6-0 di parziale che li riportano a -9 sul 41-32. L’orgoglio biancorosso però non tarda ad arrivare e con la tripla di Langford prima e il 2/2 dalla lunetta di Hackett dopo, i padroni di caso si riportano di nuovo sul +14. Il gioco da 3 punti realizzato da Samules regala a Milano il +16 ma 5 punti in fila di Wright, al suo debutto con la maglia bianco verde, riporta a -11 gli ospiti. Il fallo più canestro realizzato in contropiede da Maciulis riporta gli ospiti sotto la doppia cifra ma a smentire tutto ci pensa il 2/2 dalla lunetta di Samuels. Il terzo quarto si chiude con un altra tripla dei greci, stavolta realizzata da Gits, che chiude la frazione sul 59-49. L’Olimpia riparte bene con il duo Gentile – Samuels ma i greci grazie a Gits rimangono sempre sul -10. Rientrano in partita i bianco verdi che, prima con il semi gancio di Gits e poi con la tripla di Fotsis si riporta fino al -5. Milano spreca un paio di palloni con un infrazione di passi e palla accompagnata e così i greci si fanno sotto prepotentemente. Diamantidis in contropiede firma il -3 con 3 minuti abbondanti da giocare. Milano mantiene a distanza gli ospiti grazie ai liberi e alla super tripla di Cerella. Con un minuto da giocare Milano conduce di 4 punti ma si vede privo di Samuels, costretto a uscire dal campo tra gli applausi dopo aver commesso il suo quinto fallo. Nel finale Milano rischia tantissimo sbagliando 3 tiri liberi con Langford e Melli ma poi é brava a mantenere i nervi saldi e a portare a casa la vittoria col risultato di 77-75.

 

TABELLINO

MILANO Gentile 8, Cerella 8, Melli 3, Hackett 5, Kangur, Langford 18, Samuels 16, Touré ne, Wallace ne, Lawal 2, Moss 7, Jerrells 10

PANATHINAIKOS Bramos 7, Batiste ne, Fotsis 10, Ukic 2, Lasme 5, Mavrokefalidis, Diamantidis 6, Gits 21, Pappas 2, Giankovits ne, Maciulis 5, Wright 17

9 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *