Euroleague F4 preview: Fenerbahçe Beko vs Anadolu Efes

Fenerbahçe Anadolu Efes Obradovic Ataman
Zeljko Obradovic e Ergin Ataman – PhotoJointer (Carlos Calvillo e Alessia Doniselli)

Mancano meno di 48 ore all’inizio di uno degli spettacoli più attesi della pallacanestro europea e mondiale. Venerdì pomeriggio alle 18.00, infatti, alla Fernando Buesa Arena di Vitoria, Fenerbahçe Beko e Anadolu Efes scenderanno in campo per la prima semifinale delle Final Four di Turkish Airlines Euroleague.

Da una parte troviamo l’armata allenata da Zeljko Obradovic, che ha terminato al primo posto la regular-season ed è considerata la favorita ad alzare al cielo il titolo per la seconda volta nel giro di tre anni, e dall’altra i ragazzi di Ergin Ataman, l’autentica sorpresa della competizione (vada come vada la Final Four), che hanno dato spettacolo sia durante la regular-season che ai Playoffs grazie a una pallacanestro spumeggiante.

Il cammino verso Vitoria

Il Fenerbahçe, come anticipato, ha chiuso la regular-season al primo posto, con un notevole bilancio di 25 vittorie e 5 sconfitte, battendo poi per 3-1 lo Zalgiris Kaunas ai Playoffs. Proprio contro gli uomini di Sarunas Jasikevicius è arrivata l’unica sconfitta casalinga stagionale in Eurolega per i gialloblu, che hanno dimostrato di essere (quasi) imbattibili alla Ülker Arena.

L’Anadolu Efes, dopo aver conquistato il quarto posto in classifica in regular-season con 20 vittorie e 10 sconfitte, ha dato vita a una serie di Playoffs spettacolare contro il FC Barcelona Lassa, imponendosi per 80-71 nel drammatico Game 5 disputato nella capitale turca la sera del 1º maggio.

I precedenti

Fenerbahçe Beko contro Anadolu Efes è il nuovo “classico di Turchia”. Le due squadre più rappresentative del paese euroasiatico si sono scontrate sei volte questa stagione giocandosi già due titoli, e il bilancio è in perfetta parità: 3-3 e una coppa a testa.

L’Efes era partito meglio sorprendendo i rivali nella Supercoppa turca, disputata a partita unica e vinta dagli uomini di Ataman per 65-62. Vittoria per l’Efes anche in occasione della prima sfida di Eurolega, disputata il 25 ottobre alla Sinan Erdem Dome (89-83). Una decina di giorni dopo è arrivato il primo successo per il Fenerbahçe nel derby di campionato vinto 86-79.

In febbraio Zeljko Obradovic e i suoi hanno pareggiato anche il computo dei titoli con gli eterni rivali, battendoli per 80-70 nella finale della Coppa di Turchia, e dieci giorni dopo è arrivata la vittoria più schiacciante della serie: l’84-66 del Fenerbahçe nella sfida di ritorno di Eurolega. La vendetta dell’Efes non si è fatta attendere troppo, pochi giorni dopo i ragazzi di Ataman hanno vinto la partita di ritorno in campionato per 67-65.

Le due squadre, che probabilmente finiranno per disputarsi anche il campionato di Turchia, daranno vita alla prima semifinale tutta turca di una Final Four di Turkish Airlines Euroleague, e il risultato, come in tutti i derby, è incerto.

Uomini chiave e infermeria

Il matchup tra Fenerbahçe ed Efes ruota attorno all’infermeria del Fener, con Joffrey Lauvergne e Gigi Datome già scartati per l’appuntamento e con Nikola Kalinic e Jan Vesely in forse. L’infortunio muscolare rimediato dall’ala azzurra contro il Darussafaka in campionato a inizio mese non è grave, e dovrebbe permettere al giocatore di recuperare in vista dei Playoffs di campionato; certo è che la mancanza di uno dei pilastri della squadra in un appuntamento così importante si farà notare. Per quanto riguarda Vesely e Kalinic, i due viaggeranno con la squadra e le loro condizioni saranno valutate prima della semifinale di venerdì ed eventualmente della finale di domenica. L’Anadolu Efes, invece, si presenta con tutte le frecce al proprio arco.

Con Lauvergne out e Vesely in forse, Nicolò Melli assumerà un ruolo chiave nel reparto lunghi del Fenerbahçe. Il reggiano l’anno scorso aveva debuttato in una Final Four di Eurolega alla grande, mettendo a segno 28 punti nella finale persa contro il Real Madrid. Melli, assieme a Ahmet Duveriouglu, si troveranno faccia a faccia con Adrien Moerman e Bryant Dunston, che formano il pericoloso e ben assortito frontcourt dell’Efes.

Kostas Sloukas da un lato e Vasilje Micic dall’altro sono le stelle più attese in una partita dove ogni errore potrebbe costare caro e dove forse l’esperienza degli uomini chiave di Zeljko Obradovic in questo tipo di appuntamenti potrebbe fare la differenza.

Curiosità: derby del Bosforo e ritorno a casa

Sono varie le squadre turche di Istanbul che disputano il massimo campionato di Süper Ligi e parecchie che giocano o hanno giocato anche in Eurolega. Mentre quasi tutte (Efes, Darussafaka, Galatasaray…) hanno la propria sede nella parte europea della città, il Fenerbahçe è l’unica che si trova all’altro lato del Bosforo. 25 chilometri di distanza in tutto, ma chi è stato in vacanza o per lavoro a Istanbul sa perfettamente che attraversare uno dei quattro ponti che collega i due continenti può essere un autentico calvario in ora punta.

Tornare a giocare alla Fernando Buesa Arena di Vitoria sarà speciale per Shane Larkin, Rodrigue Beaubois e Tibor Pleiss dell’Efes, visto che i tre giocatori hanno vestito la maglietta del Baskonia non troppo tempo fa. Larkin e Beaubois avevano coinciso nei Paesi Baschi nel 2016-17, con il caraibico che era rimasto a Vitoria anche per la stagione successiva, mentre Pleiss ci aveva giocato dal 2012 al 2014.