Home Coppe Europee EuroLeague Euroleague: Il Real Madrid vince la decima, al Fener non basta un enorme Nicolò Melli

Euroleague: Il Real Madrid vince la decima, al Fener non basta un enorme Nicolò Melli

0
Nicolò Melli Fenerbahçe
Nicolò Melli- Carlos Calvillo per BasketItaly

Appuntamento con la finalissima della Turkish Airlines Euroleague tra i campioni in carica del Fenerbahçe e il Real Madrid della stella nascente Luka Doncic. I blancos avevano la meglio, conquistando il proprio decimo titolo continentale con il punteggio di 85-80.

Ahmet Duverioglu apriva il marcatore per gli uomini di Zeljko Obradovic, e Nikola Kalinic gli dava man forte. Dall’altra parte segnava solo Luka Doncic. Già dalle prime battute si notava come la difesa dei turchi era asfissiante, e Pablo Laso cercava alternative davanti. Una tripla di Fabien Causeur rimetteva il Real Madrid in partita, ma Duverioglu segnava ancora. Gustavo Ayón collocava il -2 e Obradovic buttava in mischia Bobby Dixon e Kostas Sloukas. Una tripla da lontano di Rudy Fernández fissava il pareggio sul 15-15, e Sergio Llull dava il primo vantaggio ai suoi sempre da oltre l’arco. A un impressionante canestro di Sloukas seguiva la tripla di Anthony Randolph che permetteva ai blancos di chiudere il primo quarto avanti 21-17.

Gigi Datome faceva il suo ingresso in campo nel secondo quarto, ma il Fenerbahçe continuava in difficoltà, con il Real Madrid che provava l’allungo. Nicolò Melli realizzava la tripla, ma Rudy segnava ancora, così come il reggiano, che rimetteva in carreggiata i suoi. Gigi Datome si univa alla festa, e ancora Nicolò Melli trovava il canestro mantenendo i suoi in partita. Brad Wanamaker segnava il 35-35 dalla lunetta, e poi portava avanti i suoi, ma Jaycee Carroll non sbagliava dalla linea della tripla, così come Kostas Sloukas: 38-40 per il Fenerbahçe all’intervallo.

Fabien Causeur pareggiava i conti con 2/2 dalla lunetta in avvio di ripresa, e il playmaker francese portava avanti i suoi con una tripla e Gustavo Ayón segnava il +5. Il Real Madrid aumentava il proprio livello difensivo, mettendo in difficoltà i turchi, ma Melli riusciva comunque a trovare la via del canestro. Intercambio di canestri Reyes-Wanamaker e Luka Doncic segnava dai 6.75. Un canestro di Causeur permetteva al Real Madrid di allungare nuovamente, e Walter Tavares dominava nel pitturato sia in attacco che in difesa. I recuperi davano aria al Real Madrid, che chiudeva il terzo quarto avanti 63-55.

Dopo due falli di Sergio Llull su Bobby Dixon, Nicolò Melli segnava un vitale 2+1, ma il Real Madrid non perdeva la concentrazione e manteneva il vantaggio segnando dalla lunetta. Ancora Melli dall’arco ridava aria al Fenerbahçe, ma un fallo antisportivo fischiato a Jan Vesely per fallo su Luka Doncic permetteva ai blancos di portarsi sul +10. Brad Wanamaker segnava 2/2 dalla linea dei tiri liberi, ma il rimbalzo offensivo dava vita al Real Madrid, mentre Jan Vesely sembrava completamente fuori partita. L’unico in palla per il Fenerbahçe continuava ad essere Melli, con l’ennesima tripla. Il Real Madrid perdeva Sergio Llull, che commetteva il quinto fallo personale, e Bobby Dixon riportava i suoi sul -5. Tavares segnava due tiri liberi, Luka Doncic stoppava e il Real Madrid iniziava ad accarezzare la vittoria. I canestri del Fenerbahçe non entravano, i secondi passavano, ma gli uomini di Obradovic non si arrendevano. Una tripla di Bobby Dixon dava il -3 con 22 secondi ancora da giocare. Brad Wanamaker commetteva fallo su Fabien Causeur, che sbagliava i due tiri liberi, ma il rimbalzo con il canestro di Trey Thompkins era praticamente definitivo.

  • Real Madrid: Fabien Causeur (17 punti con 3/3 in triple), Luka Doncic (15 punti, 4 assist, 3 rimbalzi), Trey Thompkins (10 punti, 5 rimbalzi)
  • Fenerbahçe. Nicolò Melli (28 punti con 11/16 dal campo e 6 rimbalzi), Brad Wanamaker (14 punti, 5 rimbalzi, 5 assist), Gigi Datome (6 punti, 2 rimbalzi)