EL, beffa atroce per Milano! Planinic sigla il buzzer beater da distanza siderale: 61-60

nicolò melli, milano

Incredibile colpo di scena finale andato in onda in quel di Istanbul, nel match disputato tra l’Efes e Milano. L’Olimpia infatti pregustava già la vittoria, essendo stata avanti per 30′ e avendo recuperato lo svantaggio nei minuti finali, ma un buzzer beater pazzesco di Planinic da oltre 20 metri di tabella, regala il primo successo ai turchi, mandando pesantemente al tappeto la squadra di coach Banchi. Non basta infatti il solito ispiratissimo Langford da 18 punti, unico ad andare in doppia cifra, per i biancorossi; Savanovic con 13 punti e la tripla allo scadere di Planinic infatti mandano in visibilio il pubblico amico, rendendo amarissima per i milanesi la trasferta turca.

Pronti-via ed il copione del match si presenta subito ben chiaro: ci sarà da soffrire e da sudare le proverbiali sette camicie per uscire vincenti dall’inferno turco. La partita infatti è decisamente “maschia”, con diversi contatti su ambo i lati del parquet a farne da padrone. L’Efes prova a metterla subito sul piano dell’aggressività pur risultando troppo frettolosa ed imprecisa nelle conclusioni. Milano comincia a carbuarare dopo qualche minuto, ed è Samardo Samuels a trascinarla nel primo quarto. Saranno 8 i punti infatti del pivottone, che sotto le plance domina i duelli con i corrispettivi avversari. I turchi rispondono con i punti di Vasileiadis, ma rimangono indietro nel punteggio sul 14-17 di fine primo quarto. Nella seconda frazione lo spartito è pressocchè identico, con gli ospiti a sfruttare il buon momento volando ,grazie al solito ispiratissimo Keith Langoford e al buon impatto di Jerrells che infila due triple, sul massimo vantaggio del +10. Dopo un timeout chiamato, tuttavia i padroni di casa si risistemano sul parquet di gioco, trovando numerosi rimbalzi offensivi da Gonlum( 11 in totale conquistati nel primo tempo) e sfruttando a dovere le seconde opportunità. Un parziale di 9-0 infatti riporta l’Efes sul -1, girando l’inerzia della partita dalla propria parte. Banchi si sbraccia in panchina, ed è una tripla di Moss a sbloccare i biancorossi. All’intervallo il punteggio si chiude sul 30-34.

keith langford, milanoAl rientro dagli spogliatoi, è la tripla di Melli ad aprire le danze. L’Olimpia sembra poter nuovamente scappare via, toccando il +9 con il layup di Gentile, ma i turchi non ci stanno e rientrano nuovamente a contatto trascinati dalla verve di Savanovic autore di 8 punti nel terzo quarto, vera arma micidiale con le penetrazioni nell’area pitturata. Grazie alle sue giocate l’Efes rimane aggrappata alle caviglie milanesi, terminando il terzo periodo sotto di due sole lunghezze (43-45).

Ultimi dieci minuti da vivere tutti d’un fiato: i padroni di casa mettono la freccia e sorpassano, con le giocate di Balbay ed i tiri liberi di Savanovic, toccando il +6. Langford accorcia. Problema falli per Kangur, che commette il quarto a 6′ dal termine e sbaglia il successivo tiro dalla distanza, il cui rimbalzo viene catturato da Jerrells che mette in ritmo Langford: tripla del 53-50. Grande opportunità dopo il timeout per l’Olimpia, che prende due rimbalzi offensivi nella stessa azione, sbagliando tuttavia con un impreciso Hackett( finora 0/4 dal campo) la realizzazione. Il canestro di Planinic e i liberi di Bjelica, riportano l’Efes sul +6. La squadra di Banchi, tenta di colpire da oltre l’arco, ma prima Wallace e poi Melli colpiscono il ferro. Lo stesso azzurro sbaglia 2 tiri liberi in un momento cruciale del match a 2′ dalla fine, venendo imitato dall’altro lato da Savanovic, anch’egli a secco dalla linea della carità. Nel finale spunta il protagonista a sorpresa, C.J.Wallace che trova i primi punti dal campo infilandone 5 consecutivamente per il -1, coadiuvato dal primo canestro dal campo di Hackett, che da 3 brucia la retina a 30″ dal termine: 56-58.
Dopo il timeout, Gonlum cattura un preziosissimo rimbalzo offensivo, convertendo in layup i 2 punti, parità a 13″. L’Efes decide di commettere fallo, mandando in lunetta Hackett che sbaglia il primo e realizza il secondo. La palla passa in mano ai turchi che hanno l’ultima azione a disposizione con 12″ sul tabellone: Savanovic prende il tiro, ma il ferro sputa la palla. Langford raccoglie rimbalzo e fallo, andando in viaggio dalla luneta: 1/2 a 3″ quando accade l’imponderabile. Planinic allo scadere realizza la tripla della disperazione, mandando in estasi il pubblico di casa e regalando un grande dispiacere agli ospiti. 61-60.

IL TABELLINO DEL MATCH:

EFES: Balbay 8, Vasileiadis 8, Batuk 7, Gonlum 6, Kilickli, Savanovic 13, Gordon 2, Planinic 8, Bjelica 9.

MILANO: Gentile 5, Melli 7, Hackett 6, Langford 18, Samuels 8, Wallace 5, Lawal, Moss 3, Jerrells 8.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *