Venezia soffre dal +21 al +5, ma alla fine espugna Vilnius battendo il Rytas

Per il quinto round della 7 DAYS EuroCup, l’Umana Reyer Venezia sbanca la Siemens Arena di Vilnius battendo i lituani del Rytas per 72-81 conquistando la terza vittoria nella manifestazione continentale, la prima vittoria esterna della stagione.

Un match dominato per 22′ andando sul +21 come massimo divario sul 31-52 grazie a Julyan Stone e Jeremy Chappell, oltre a un’ottima percentuale al tiro, poi la squadra baltica sostenuta da Martynas Echodas e Tu Holloway risucchia lo svantaggio andando a -5 sul 55-60 al 28′. Venezia però non si scompone e con Chappell e Watt nell’ultimo periodo chiude il match, decisiva una tripla di Stefano Tonut a 2’30” sul 68-78. Finisce 72-81 per gli orogranata, ora 3-2 in classifica del gruppo B.

Dopo l’8-8 dei primi 4′, Jeremy Chappell (11 punti nella prima frazione) martella dall’arco con tre triple sulle assistenze di Stone, Bramos gli dà una mano ed è 11-20 Reyer dopo 6′. Tocca il +14 Venezia sul 12-26 dopo 8′ grazie ai canestri di Austin Daye, ma i lituani si affidano alle incursioni di Echodas e i troppi falli commessi da Venezia – ben 7 nel periodo – per ridurre il gap con 11/13 dalla lunetta, è 17-26 dopo il primo quarto.
Continua a fare difficoltà il Rytas che segna nei primi 4′ solo due punti con Echodas, ma è un 4/17 al tiro, la Reyer con le triple di Julyan Stone e Bramos vola sul +15, 19-34 al 14′. Viene sanzionato con un antisportivo Holloway e Venezia tocca il +19 con la seconda tripla di Stone, 19-38 al 15′, ma Kairys e Sirvydis danno il -15 ai lituani complice qualche errore di troppo degli orogranata, 23-38 al 17′, time-out di De Raffaele che vuole massima attenzione. Continua a macinare gioco Venezia toccando il +20 al 19′ con le triple di Chappell e Cerella, +20 toccato ed è 26-46 al 19′, ma il Rytas lima il passivo nel finale di tempo con Cruz e Holloway, 29-46 all’intervallo.
Ripresa delle ostilità e le triple di Stone e Bramos fanno toccare il +21 veneziano dopo 22′ con le triple, ma il Rytas non molla grazie a Echodas e Bendzius, 38-52 al 24′, time-out De Raffaele. Dopo il +17 toccato da Stone con la sua 4a tripla personale, quella del 40-57, si abbassano notevolmente le % di Venezia, i lituani con Echodas e Holloway rimontano con un break notevole complice anche un tecnico fischiato a Daye che arriva al 4° fallo commesso: così dal 40-57 si arriva al 55-60 al 28′ con Venezia in totale rottura prolungata. Un gioco da tre punti di Watt e un canestro di Chappell rompono il parziale negativo e sono ossigeno puro, si chiude sul 57-65 il terzo periodo.
Ultimo quarto di passione dove Venezia con Chappell prima – soffrendo nel mezzo il solito Echodas e perdendo per falli Daye -, ma con Watt poi, tocca il +10, è 63-73 a 4’48” dalla fine, time-out Adomaitis. Bramos porta il +12, ma Butkevicius con cinque punti di fila per i lituani dà il -7 Rytas, ci pensa allora Stefano Tonut con la tripla del +10 Reyer a 2’30” dalla fine, 68-78 e time-out Adomaitis. I tentativi di Echodas e Holloway riducono lo svantaggio per i lituani, ma ci pensa Watt a chiudere definitivamente il match sul 72-81 finale che vale la terza vittoria in EuroCup per l’Umana Reyer Venezia.

Per gli uomini di Walter De Raffaele il prossimo impegno sarà un’altra trasferta, in campionato domenica a mezzogiorno l’Umana Reyer Venezia farà visita all’Happy Casa Brindisi prima della sfida in EuroCup contro il Partizan di settimana prossima.

MVP BasketItaly.it: Jeremy Chappell

Rytas Vilnius – Umana Reyer Venezia 72-81 (17-26; 29-46; 57-65)

Rytas: Sirvydis 4, Bickauskis 5, Giedraitis ne, Holloway 15, Cruz 2, Echodas 26, Girdziunas, Bendzius 8, Blazevic ne, Kairys 3, Bairstow 4, Butkevicius 5. Coach: Dainius Adomaitis.

Venezia: Udanoh 5, Stone 14, Bramos 11, Tonut 3, Daye 8, De Nicolao, Filloy, Vidmar 2, Chappell 21, Pellegrino ne, Cerella 3, Watt 14. Coach: Walter De Raffaele.

Arbitri: Miguel Angel Perez (Spagna), Aare Halliko (Estonia) e Robert Vyklicky (Repubblica Ceca).

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata