fbpx

Turnover e Fiato corto: sconfitta indolore per la Virtus in Andorra

Seconda sconfitta stagionale in 7DAYS EuroCup per la Virtus Bologna, comunque già qualificata alla prossima fase. Al Poliesportiu D’Andorra i padroni di casa del MoraBanc si impongono 93-79.

Coach Djordjevic amplia le rotazioni concedendo minuti a tutti gli effettivi, facendo partire in quintetto l’ultimo arrivato Marcos Delia e tenendo a riposo Milos Teodosic (che alla sirena sarà comunque top scorer dei suoi con 19 pti in meno di 15 minuti). Orfana del proprio leader tecnico, la Virtus subisce la partenza a mille degli iberici, che piazzano subito un parziale shock di 14-0. L’ingresso del play serbo e la ritrovata precisione sotto canestro, unita ad una fase difensiva più attenta limitano i danni, così che un 4-13 negli ultimi minuti del periodo rimettano in gara i bianconeri.

Anche nel secondo quarto i padroni di casa tentano di partire forte, riportandosi ad un vantaggio in doppia cifra, prontamente contenuto dalle V nere, che riescono ad arrivare all’intervallo lungo con uno svantaggio di soli 8 punti.

Nel terzo periodo arriva addirittura il sorpasso. Dopo aver inseguito per 9 minuti infatti, nell’ultimo minuti il duo Gamble-Gaines (32 pti complessivi) trascina la propria squadra in vantaggio per la prima volta nel corso del match.

Nell’ultimo periodo però, complici probabilmente anche turnover e stanchezza, Andorra prende il largo e fa suo il match grazie anche a tre giocatori sopra i 15 punti: Frantz Massenat (17), Bandja Sy (17) e David Jelinek (16). Sconfitta indolore per la capolista del nostro campionato, che evidenzia però una certa stanchezza e, soprattutto, rischia di diventare troppo dipendente dai suoi fenomeni. In questo senso, il turno di riposo del weekend cade a fagiolo per una squadra che, dalla prima palla a due stagionale, ha giocato una partita ogni tre giorni.