Champions League – Nel segno di Daye e Vidmar la Reyer Venezia sbanca Bonn 84-94.

Ufficio Stampa Reyer Venezia

L’Umana Reyer Venezia espugna il Telekom Dome di Bonn vincendo 84-94 contro i tedeschi del Telekom Baskets. Grazie a questo risuiltato, la formazione allenata da Walter De Raffaele rimane seconda solitaria nel gruppo B complice anche la larga vittoria di Tenerife sull’Hapoel Holon.
Partita a strappi: nei primi 10′ Venezia con Bramos e Tonut sugli scudi vola sul +14, 20-34. Nel secondo quarto reazione tedesca con Reischel e un Joshua Mayo letteralmente on fire che riaccendono le speranze di Bonn chiudendo il primo tempo sotto di 2, 47-49. Nel finale di terzo periodo Venezia riprova a scappare sul +7 per il 63-70, ma Bonn resiste con Breunig a inizio ultimo periodo ri-impattando il match sul 74pari a 7’22”. Sono quindi Daye e Vidmar a mettere i punti decisivi per la vittoria oro-granata in Germania.

CRONACA_ In avvio protagonisti sono i pivot Jackson e Vimdar, 10-10 dopo 4′. Ma Venezia preme i piedi sull’acceleratore con Daye, Bramos e un brillantissimo Tonut nonostante Ra’ Shad James provi a tenere in vita il team tedesco sul 18-21. E’ 20-34 per l’Umana Reyer dopo i primi 10′. 10 di Stefano Tonut. Cala la Reyer all’inzio della seconda frazione con troppe palle perse, il Telekom riduce sul -10 con DiLeo, 26-36 al 13′ e time-out De Raffaele. Biligha e Bramos ritornano a far segnare gli oro-granata, ma Venezia concede troppo a rimbalzo offensivo ai tedeschi con Breunig che diventa un fattore, 29-41. Sono Joshua Mayo e Reischel a rosicchiare tutto il vantaggio lagunare con energia e intensità su molti contropiedi e triple veloci portando i tedeschi sul -1 al 18′ con Vidmar unico per Venezia a segnare, 44-45. Stone la metta in penetrazione rompendo il parziale negativo, 44-47 dopo 19′, e coach Krunic decide di chiamare minuto. Daye segna il 44-49, ma il solito Joshua Mayo (18 punti alla pausa lunga, 15 nel 2° quarto) mette la tripla con cui Bonn chiude il primo tempo sotto di 2, 47-49.
Si torna in campo, Mayo e Jackson portano avanti Bonn, ma Daye risponde presente per il 56-58 al 25′. Intanto in un contrasto di gioco Vidmar perde un dente, ma rientrerà poco dopo in campo. Bramos e Watt danno a Venezia il 60-63 al 27′, time-out Krunic. Webb III impatta con la tripla, poi break Reyer con Watt, Daye e Cerella per il +7 veneziano prima della schiacciata, su rubata, di DiLeo per il 65-70 con cui si chiude il terzo quarto. Ultimo periodo. Biligha segna importanti punti in tap-in, ma la coppia Mayo-Breunig riporta in parità il match sul 74-74 grazie anche a un tecnico chiamato a Tonut, time-out De Raffaele a 7’22” dalla fine. Bramos commette due falli consecutivi uscendo dal match per il suo 5°. Si accende Austin Daye che con la collaborazione di un presentissimo Vidmar dà il +5 Reyer sul 78-83 a 4’58”, time-out Krunic a 4’38”. Ancora Vidmar e Haynes danno il +7 ospite a 3’28”, il pericolo n°1 Mayo non riesce più a segnare complice la migliorata difesa veneziana su di lui, ma Di Leo riduce il gap sul -4 tedesco a 2’20”. Ci pensano allora Daye e Gasper Vidmar con la schiacciata a dare la vittoria alla Reyer di fatto a 38”2 dal termine, 84-91. Haynes con la tripla firma il risultato finale sul 84-94.

MVP BasketItaly.it: Gasper Vidmar.

Telekom Baskets Bonn – Umana Reyer Venezia 84-94 (20-34; 47-49; 65-70)

Bonn: Reischel 8, Subotic, James 8, Jackson 14, DiLeo 10, Breunig 8, Bartolo 5, Mayo 26, Webb III 5, Jasinski, Moller ne, Koschade ne. Coach: Predrag Krunic.

Venezia: Haynes 8, Stone 5, Bramos 16, Tonut 11, Daye 21, De Nicolao, Vidmar 18, Biligha 6, Giuri 2, Cerella 2, Watt 5, Kyzlink ne. Coach: Walter De Raffaele.

Arbitri: Sergiy Zashchuk (Ucraina), Markos Michaelides (Svizzera) e Zdenko Tomasovic (Slovacchia).

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata