Home A2 Tutto quello che c’è da sapere sulla GeVi Napoli Basket 2019/20

Tutto quello che c’è da sapere sulla GeVi Napoli Basket 2019/20

0

Record 2018/19: 18-12 – 6ª posizione nel girone D di Serie B

Chi in più: Brandon Sherrod, Terrence Roderick, Stefano Spizzichini, Daniele Sandri, Diego Monaldi, Andrea Spera, Amar Klačar, Massimo Chessa.

Chi in meno: Simone Bagnoli, Adrian Ignacio Chiera, Vincenzo Di Viccaro, Hugo Erkmaa, Pietro Giovanardi, Riccardo Malagoli, Dario Molinari, Alessandro Puoti.

Un mercato scoppiettante

Sulla panchina siede il coach, Gianluca Lulli, affiancato dal senior assistant, Francesco Cavaliere. La matricola campana opera in controtendenza rispetto ai competitors, accaparrandosi subito due, talentosi, colouredSherrod possiede eccellenti qualità tecniche ed umane. Pur essendo un centro undersized (198 cm, ndr), è dotato di uno straordinario atletismo. Invece, Roderick è un all-around, che eccelle nell’uno contro uno. Nell’ultima annata indossa la canotta del Bergamo Basket, viaggiando a 20.4 punti, 10.8 rimbalzi e 5.9 assist di media. A fare a sportellate nel pitturato ci penseranno le ali, Daniele Sandri e Stefano SpizzichiniIl primo è un atleta esplosivo, un ottimo difensore ed un uomo squadra, mentre il secondo farà da collante. La cabina di regia è affidata al playmaker apriliano, Diego Monaldi. In uscita dalla panchina subentreranno capitan Guarino, che farà da chioccia ai giovani, Milani, Milosevic, Dincic ed il pivot napoletano, Andrea Spera. Arricchisce il roster il millennial, Amar Klačar.

Un altro, importante, innesto

Nella fase di qualificazione della Supercoppa Old Wild West 2019 gli uomini di coach Lulli producono un graduale aumento delle palle perse (8-21-30, ndr). La manovra sembra farraginosa, complice la precaria condizione fisica. Pertanto, sfruttano il jolly ordinario, che consente un inserimento nel roster tra il 25 settembre ed il 4 ottobre, ingaggiando con un contratto annuale la play/guardia classe ’88, Massimo Chessa.

Come può cambiare?

Nella passata stagione la Generazione Vincente Napoli Basket conta su un frontcourt devastante. Dincic staziona prevalentemente in prossimità del canestro, permettendo a Bagnoli di portare più serenamente i propri, micidiali, blocchi e tagli. A beneficiarne sono Francesco Guarino (42% da 3, ndr) e Vincenzo Di Viccaro (34% da 3, ndr). Quest’anno assisteremo a giochi, basati sulla corsa e l’esplosività. Inoltre, l’intensità caratterizzerà la fase difensiva. Infatti, il dinamismo di Sherrod permetterà di difendere sul pick and roll, cambiando in maniera sistematica.