A2 Playoff – Cos’è accaduto nelle gare-4 dei quarti di finale?

Domenica 19 maggio si sono disputate le gare-4 dei quarti di finale dei playoff di Serie A2 Old Wild West. Pur privo di Taylor, il Bergamo Basket ha staccato il pass per le semifinali grazie ad una mostruosa abnegazione difensiva, chiudendo la serie sul 3-1, mentre la Remer Treviglio allunga il secondo turno della post-season alla “bella”, sbancando perentoriamente il parquet della Tezenis Verona 78-95.

Tezenis Verona – Remer Treviglio 78-95

L’inizio è scoppiettante. Gli ospiti provano subito a scappare (4-9) con la tripla di Roberts. Poi, in velocità, arrivano le bombe di Ferguson e Palumbo (6-12). I lombardi continuano a colpire dalla lunga distanza (3/4 da 3, ndr). Al 10′ Nikolic è glaciale dalla lunetta (16-26). Ad avvio del secondo quarto prevale l’equilibrio. I veronesi rimangono in scia con Vujacic ed Udom (40-48). Al 20′ la tripla di Vujacic vale il -5 (43-48). Caroti e Borra costruiscono il primo break del secondo tempo (43-54). Borra comanda sotto le plance ed all’ultimo intervallo il punteggio è 59-72. Severini apre il quarto periodo (59-70), dando nuove speranze ai suoi, confermate dalla schiacciata di Udom (64-76). Reati trova due triple dall’angolo che regalano il massimo vantaggio agli ospiti (66-82). Gli scaligeri trovano l’ultima fiammata, ma è troppo tardi.

Bergamo Basket – XL Extralight Montegranaro 54-52

In avvio la tensione è palpabile. Si sbaglia tanto da entrambe le parti. I padroni di casa faticano a trovare la via del canestro. Gli ospiti ne approfittano ed al 10′ scappano sul +6 (9-15). Lo spartito non cambia nel secondo periodo. I bergamaschi difendono strenuamente, ma sparano ripetutamente a salve. Al 15′ i marchigiani vanno sul 12-18 con Amoroso, ma subiscono il rientro dei gialloneri, che all’intervallo lungo accorciano sul -1 (20-21) trascinati da Benvenuti. Nella ripresa i lombardi rompono gli indugi, piazzando un parziale di 10-2 (30-23) targato Sergio. Al 30′ gli uomini di coach Dell’Agnello conducono 40-32. Nell’ultimo quarto sale in cattedra Roderick, che al 37′ segna otto punti consecutivi (52-46). Al 39′ le triple di Mastellari valgono il -2. Nell’ultimo possesso Corbett non riesce a trovare un varco, la palla giunge a Palermo che – a fatica – trova Simmons, il cui gancio va sul primo ferro mentre suona la sirena.