fbpx

A2 Playoff – Cos’è accaduto nelle gare-3 degli ottavi di finale?

Massimiliano Menetti

Giovedì 2 e venerdì 3 maggio si sono disputate le gare-3 degli ottavi di finale dei playoff di Serie A2 Old Wild West. La Benfapp Capo d’Orlando ha staccato il pass per i quarti di finale, chiudendo la pratica contro l’OraSì Basket Ravenna con un secco 3-0. Le altre serie si stanno rivelando equilibrate, anche se in gara-3 si sono verificati alcuni, perentori, tonfi.

OraSì Basket Ravenna Piero Manetti – Benfapp Capo d’Orlando 76-92

Partenza sprint degli uomini di coach Mazzon, che al 5′ toccano il +12 (19-7). Gli ospiti non demordono ed al 10′ tornano in scia (23-19). All’inizio del secondo periodo i siciliani prendono in mano le redini del match, non permettendo ai ravennati di mettere nuovamente la testa avanti. Si va all’intervallo lungo sul 40-49 grazie alla tripla di Parks. Al rientro sul parquet i giallorossi ci provano con le iniziative di Hairston e Smith, ma al 30′ inseguono 63-71. Nell’ultimo quarto i padroni di casa accorciano sul -3 (71-74) con la bomba dall’angolo di Jurkatamm e la schiacciata di Hairston, costringendo coach Sodini a chiamare timeout. Però, al 34′ gli orlandini piazzano un parziale di 0-9 (71-83), chiudendo virtualmente le ostilità. Sugli scudi Brandon Triche, che referta 30 punti, 5 rimbalzi, 11 assist e 7 falli subiti (40 di valutazione, ndr) e Jordan Parks (19+13).

Edilnol Pallacanestro Biella – GSA Udine 73-67

L’Edilnol Pallacanestro Biella va sul 2-1, battendo la GSA Udine 73-67. Buon avvio dei padroni di casa, che si portano sul 16-8 grazie al ChiarastellaSaccaggi. Gli ospiti non si disuniscono ed al 10′ effettuano il sorpasso (18-21). Nel secondo periodo i friulani accelerano ed al 20′ conducono 33-45 grazie allo strapotere a rimbalzo. Nella ripresa cambia drasticamente l’inerzia della sfida. I piemontesi ricuciono lo strappo, impattando al 30′ sul 56-56. Nel finale gli uomini di coach Carrea prevalgono grazie ad Antonutti ed Harrell (17 punti, conditi da 5 rimbalzi, ndr).

Benacquista Assicurazioni Latina – XL Extralight Montegranaro 65-74

La XL Extralight Montegranaro centra la quattordicesima vittoria esterna stagionale, cancellando l’ultimo, bruciante, ko casalingo ed andando sul 2-1. I veregrensi violano autoritariamente il PalaBianchini 65-74 grazie al gigante statunitense, Jeremy Simmons, che ha fatto il bello ed il cattivo tempo sotto i tabelloni, realizzando 25 punti e carpendo 12 rimbalzi (38 di valutazione, ndr), coadiuvato da Petrovic, che ci ha messo lo zampino, siglando al 26′ i due canestri del massimo vantaggio (35-50).

2B Control Trapani – De’ Longhi Treviso 89-85

I padroni di casa sfoderano una prestazione maiuscola, allungando la serie a gara-4, interrompendo l’imperiosa striscia di quattordici vittorie consecutive degli ospiti. Inizio convincente degli orogranata, che al 10′ sono avanti 23-15, complice la mira sbilenca dall’arco di Logan. La partita prosegue sulla falsariga del primo quarto ed al 20′ i siculi mettono due possessi di distanza dai veneti (47-42) grazie alla tripla di Ayers. Al rientro sul parquet gli uomini di coach Parente raggiungono il massimo vantaggio (+16). Al 30′ Burnett dimezza il gap (74-65). Nell’ultimo quarto i trevigiani impattano sull’85-85 con la bomba di Logan. A chiuderla, ci pensa Pullazi, che appoggia al vetro il +2, venendo dimenticato dalla difesa avversaria e, poi, fa 2/2 dalla linea della carità, chiudendo le ostilità sull’89-85.

Unieuro Forlì – Zeus Energy Group Rieti 89-64

L’Unieuro Forlì non sbaglia al primo bivio stagionale, dominando gara-3 ed accorciando sul 2-1. Gli uomini di coach Nicola travolgono tra le calorose mura amiche dell’Unieuro Arena la Zeus Energy Group Rieti 89-64, che paga un approccio deficitario. Top scorer per i biancorossi Pierpaolo Marini (24), che infiamma i propri tifosi con una carrellata di bombe, assist ed una stoppata ai danni di Jones. Ritrovato anche Melvin Johnson (11).

Novipiù Casale Monferrato – Tezenis Verona 73-83

L’ex di turno, nonché capitano dei veronesi, Andrea Amato manda a bersaglio canestri pesanti nel momento clou, trascinando i suoi sul 2-1. Il playmaker segna 21 punti (6/6 da 2, ndr), dettando i ritmi di un incontro, condotto per quasi tutto l’arco dei quaranta minuti. D’altro canto, infatti, i padroni di casa pagano le rivedibili percentuali al tiro (39% da 2 e 24% da 3, ndr), provandoci solamente grazie alla verve delle proprie principali bocche da fuoco, tra cui spiccano Musso (17) e Pinkins (17+7).

Pompea Mantova – Bergamo Basket 69-78

Ennesima prestazione da incorniciare del Bergamo Basket, che espugna la Grana Padano Arena 69-78, portandosi sul 2-1. La gara è equilibrata fino al 15′. Poi, gli ospiti scappano, non facendosi più raggiungere. Ottima prova corale, testimoniata dai cinque uomini in doppia cifra, che ha un protagonista assoluto: Terrence Roderick. L’esterno di Philadelphia sfiora la quadrupla-doppia (21 punti, 15 rimbalzi, 9 assist e 9 falli subiti, ndr). Tuttavia, bisogna evidenziare le convincenti prestazioni del supporting cast, tra cui spiccano Fattori e Zugno, nonché Sergio e Benvenuti.

Cimorosi Roseto – Remer Treviglio 83-73

La Cimorosi Roseto fa sua gara-3, imponendosi contro la Remer Treviglio 83-73 e guadagnandosi la possibilità di chiudere la serie al PalaMaggetti. I biancazzurri scappano tra il secondo ed il terzo periodo. Tuttavia, gli ospiti riescono a rientrare fino al -5, sospinti dal duo BorraCaroti. Nel finale, però, i padroni di casa serrano le canotte in difesa e chiudono i conti con Person, che scrive 25 (11/17 al tiro, ndr). Doppia-doppia da 20+10 per Sherrod.