A2 – Ramagli resta a Siena? La Virtus Bologna non paga il buyout

Mens Sana Basket 1871 Siena, Coach Alessandro Ramagli

Si profilano importanti novità sul mercato della Mens Sana (e della Virtus Bologna). L’ingaggio che sembrava quasi certo da parte delle Vunere di coach Alessandro Ramagli sta subendo, stando alle ultime indiscrezioni, forti rallentamenti: l’accordo sul contratto col labronico è fatto ormai da tempo, ma manca ancora quello con la Mens Sana, La quale, rimessasi da poco in moto con l’ingresso societario del consorzio e pronta ad annunciare lunedì il nuovo consiglio del cda, non fa sconti sulla cifra che i bolognesi dovrebbe conferire per liberare il coach senese. Che è sotto contratto con i biancoverdi fino al 2017 e a questo punto, se non ci saranno ulteriori colpi di scena, potrebbe restare a Siena per proseguire la sua avventura. Ma con che spirito? Le forze imprenditoriali intorno al nuovo progetto Mens Sana sono sempre più numerose, e nonostante l’assenza di un grosso partner, le risorse sono state stanziate già per un budget di tutto rispetto. Inferiore a quello che Ramagli avrebbe potuto sfruttare alla Virtus ma comunque dignitoso. Si dovrà capire se l’allenatore accetterà un altro anno di transizione o vorrà impuntarsi per provare l’ambiziosa sfida bolognese

Sponda Virtus, l’ostacolo buyout sembra quindi insormontabile. Le vunere vogliono ripartire con un piano ambizioso per tornare al piano di sopra ma non pagheranno alcune cifra per liberare l’allenatore, volendo piuttosto immettere liquidità per l’ingaggio dei giocatori. Il cambio di rotta dovrà giocoforza ridisegnare il progetto che vedeva Ramagli assolutamente centrale, tanto che Alberto Bucci che si era speso di persona per convincere il coach labronico: “Siena ha sostenuto con l’agente di Ramagli di aver diritto a un buyout per liberare il proprio allenatore – ha dichiarato Bucci stesso –ma noi non accettiamo questa condizione. Abbiamo fatto sapere a Siena e al procuratore di voler rinunciare a Ramagli, stiamo già cercando altri nomi”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *