A2 Playoff – Casale-Treviso, parola ai coach. Ramondino: “Ci è passata davanti una grande occasione”.

Marco Ramondino, Casale

C’è scoramento sul volto di Marco Ramondino, è sfinito come i suoi giocatori al termine di una partita durissima e persa soltanto nei secondi finali. “Complimenti a Treviso per la vittoria di una partita molto dura. Hanno avuto la forza fisica, mentale e la capacità tecnica di venire a capo di una partita così complessa. L’analisi tecnica è molto difficile perchè il pallone pesava molto, è stata giustamente risolta alla fine da chi ha avuto più precisione e lucidità. Oggi dobbiamo essere un po’ arrabbiati perché avevamo l’occasione di fare un grande risultato eliminando Treviso e in partite come queste, se si vuole approfittare delle occasioni che passano, bisogna finire le azioni con più durezza. Noi abbiamo sbagliato un’infinità di tiri da sotto e il fatto di non aver avuto continuità lì ci ha ammazzato. E’ un peccato, però abbiamo avuto una doppia occasione per eliminare Treviso, ma ci giocheremo anche la prossima partita. Siamo riusciti ad andare meno a spalle a canestro rispetto a gara 3 e Martinoni ha fatto molti falli subito. Loro hanno usato anche Fabi che è un esterno alto e fisico e sono stati bravi ad anticipare e a portarci lontani da canestro. Bisogna ripartire dal fatto di essere mentalmente presenti in partita, dobbiamo capire oggi quanta di questa energia abbiamo e rimetterla insieme. Non dobbiamo arrivare con rabbia ma con serenità: con la consapevolezza delle nostre capacità. Non sarà facile giocare per nessuno e si deciderà tutto anche con le singole giocate”.

Non si scompone l’allenatore trevigiano Stefano Pillastrini, sollevato per la vittoria che rimanda a gara-5 il verdetto sulla qualificazione ai quarti. “E’ stata una partita con tanti errori ma con un’intensità pazzesca. Abbiamo prodotto tanto agonismo e oggi sugli episodi siamo stati bravi a non far innescare nessuno di loro. Abbiamo marcato Blizzard nel finale e abbiamo fatto si che Casale facesse solo canestri difficili continuando a fare le scelte giuste ed eseguendo in maniera giusta. Non si possono fare pronostici, dobbiamo concentrarci sulle cose che sappiamo fare bene: costruirci i tiri che sappiamo fare meglio, fare in modo che Casale fatichi tremendamente con i suoi terminali offensivi e difendere ogni azione per 24’’. Se Casale si inventerà qualcosa dobbiamo essere pronti a leggerla”.

Non è semplice per Nicola Natali, uno dei più positivi in casa Junior in gara-4, spiegare come si senta per aver visto sfumare all’ultimo una vittoria decisamente alla portata di Casale: “Non è facile da spiegare e capire cosa passa per la testa in un momento così. Si è passati da un momento con una carica super in cui eravamo vicini al traguardo, ad avere un grosso amaro in bocca, con la consapevolezza di aver buttato via un’occasione importante. Ma non c’è tempo di pensarci, domani si parte e bisogna recuperare le energie mentali per affrontare una battaglia che abbiamo dimostrato di saper condurre. Sono convinto che da domani troveremo subito la carica e la forza mentale semplicemente perché è la nostra caratteristica: non mollare e basare tutto sulle nostre forze. Troveremo il modo per ricaricarci e affrontare bene la partita. Mi aspetto un palazzo e i giocatori stessi di Treviso carichi e pronti a festeggiare, ma dal 1’ secondo dobbiamo far capire che siamo pronti a lottare e che prima del quarantesimo non c’è niente da festeggiare”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *