Home A2 A2 Ovest – La Virtus Roma ci prova, Casale non perdona

A2 Ovest – La Virtus Roma ci prova, Casale non perdona

0

Brava a imbrigliare Casale per 25’ abbondanti e ancora in scia fino ai primi minuti dell’ultimo quarto, la Virtus Roma crolla solo nel finale, arrivando anche a -16, contro una Novipiù Casale che deve ricorrere alla difesa delle grandi occasioni per avere la meglio. La Virtus di Bechi prova fin dall’avvio a scrollarsi di dosso la depressione della lotta playout e, alternando difesa a zona e a uomo e una pressione che definire vigorosa è eufemismo, resiste degnamente finché le forze la reggono. Pur sovrastata a rimbalzo (39-24 per i padroni di casa) Roma riceve piccoli contributi da tutti gli uomini sul parquet e addirittura sorpassa (42-44) nel terzo quarto; poi rintuzza in qualche maniera le due triple in poche azioni di Sanders, quindi cede di schianto nell’ultimo periodo, quando segna 3 punti in 7’ e Martinoni prima e Marcius (migliore in campo, 19 punti, 7 rimbalzi, 3 recuperi, 6 falli subiti, 32 di valutazione) appena dopo aprono il gas e chiudono i conti. Novipiù che la vince sulla lunga distanza, Ramondino vista anche la poca brillantezza di alcuni elementi (Severini 0 con 3 falli in un amen, Blizzard solo 3 punti e anche lui con prematuri problemi di falli a carico) concede più di 10’ a ben nove uomini. Accanto a un Martinoni gladiatorio, leader ruggente nei quarti centrali, quelli più duri quanto ad agonismo – vuoi anche per colpa di chiamate arbitrali discutibili – si distinguono un redivivo Cattapan e le folate di Bellan e Valentini, sempre più padroni della situazione quando la tensione sale.

NERVOSISMO E LIBERAZIONE – Dopo un primo periodo abbastanza sonnacchioso, chiuso avanti dalla Junior per 15-12, l’atmosfera si scalda per l’energia difensiva immessa da Roma, che non trova sempre d’accordo un Palaferraris particolarmente acceso e desideroso di farsi sentire (dagli arbitri in particolare…). Tomassini e Martinoni cercano di far scappare i rossoblu (25-17), Roma assomma falli ma non molla di un centimetro, brava nel non demoralizzarsi di fronte a un conto dei rimbalzi che a un certo punto recita 20-4. Baldasso dà la carica alla squadra con due triple che, assieme al reverse di Parente, danno il parziale di 0-8 che tiene la gara in bilico. Gli ultimi minuti del primo tempo sono un botta e risposta continuo, chiuso dalla tripla quasi a fil di sirena di Denegri che fissa il punteggio sul 38-34. Nel terzo quarto Roma pare all’inizio più pronta e attenta, Casale si ferma completamente e smarrisce il filo del discorso, andando in bambola anche in lunetta (emblematico uno 0/2 di Tomassini sul punteggio di 40-40). Gli arbitri fischiano molto, a volte a sproposito, il punteggio di muove poco e la partita diventa una lotta di nervi. Serve Sanders, poco dopo l’effimero sorpasso di Landi ai liberi, a illuminare la Junior (50-44). Entrata in fretta in bonus, la Virtus ricorre spesso al fallo per non bloccare l’inerzia favorevole dei padroni di casa, che si auto-stoppano sparando sul ferro i liberi. Nell’ultimo periodo, Roma è senza ossigeno, prova a resistere, ma quando entra in temperatura pure Tomassini, cala la notte. Il rientro di un devastante Marcius dà la spallata definitiva, finisce 73-62.

NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO – VIRTUS ROMA: 73-62 (15-12; 38-34; 54-49)

NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO: Ielmini ne, Denegri 5, Tomassini 7, Valentini 7, Blizzard 3, Martinoni 11, Severini, Cattapan 4, Bellan 8, Sanders 9, Lazzeri, Marcius 19. All. Ramondino

VIRTUS ROMA: Basile, Maresca 6, Chessa 8, Baldasso 6, Lucarelli ne, Landi 7, Filloy ne, Roberts 12, Thomas 14, Ndzie ne, Parente 9. All. Bechi