fbpx

Veroli-Torino: possibilità di riscatto da non lasciarsi sfuggire

 PMS Manital Torino VS AQUILA Trento - Bowers PMS

É arrivato il momento della verità in casa Manital Torino: la sconfitta nella Final Six contro Ferrara a cui è seguita quella contro la capoclassifica Trento ha fatto esplodere le polemiche ed ha fatto venire a galla la tensione per una stagione che non sta andando come programmato.

 

Per questo l’anticipo di sabato contro Veroli sarà la chiave per capire la reazione della squadra e dell’allenatore alle critiche ricevute.

A questo clima a dir poco esplosivo si aggiungono le condizioni fisiche di Mancinelli, out per 10-15 giorni per un problema al polpaccio, quelle di Gergati, che molto probabilmente non ci sarà e quelle di Amoroso, ancora dolorante al polso. Le assenze o gli acciacchi costringeranno ad accorgimenti difensivi e minutaggi diversi per molti giocatori.

I lunghi laziali Samuels e Cittadini erano stati contenuti a soli 19 punti all’andata nella partita vinta da Torino 85-71 con un incontenibile duo Mancinelli-Amoroso da 38 punti. Wojciechowski, sempre più oggetto misterioso (145 secondi in campo contro Trento), avrà un’altra chance.

Coach Ramondino vuole dare una scossa alla sua squadra, reduce da quattro ko nelle ultime cinque ma sa che per difendere l’attuale settimo posto (l’ultimo per i playoff) perdere in casa con quattro partite al termine della regular season non è ammissibile.

Per vincere questo dovrà organizzare la difesa in modo da mandare fuori giri l’attacco dei piemontesi, pressando Steele ed impendendo ricezioni facili in post. Punterà inoltre ad arrivare ad un testa a testa, dove Torino ha mostrato più volte tutta la sua fragilità.

I duelli risolutivi saranno fra tiratori chirurgici Blizzard (10/20 dai 6.75 nelle ultime 4) ed Evangelisti (decisivo all’andata con un 5/6 ma ora in netto calo, in linea con il rendimento della squadra) e fra le guardie dotate di atletismo e tecnica; Sanders è miglior realizzatore dei suoi con quasi 15 di media e dovrà marcare Bowers, reduce da una partita convincente (14 punti e 8 rimbalzi) anche per l’intensità trasmessa ai compagni.

In casa Manital, Martedì il patron Paolo Terzolo ha attaccato frontalmente coach Pillastrini (“Pensavo fosse un valore aggiunto, ma finora non lo ha dimostrato”), che ha oggi risposto, sempre a mezzo stampa “di non sentirsi più legittimato nè responsabile per i futuri risultati della squadra”.

Per la prima volta in stagione, Torino non sarà la favorita e dovrà saper “vestire i nuovi panni” per non perdere contatto dai piani nobili della classifica e per non essere risucchiata nella corsa ai playoff, visto il calendario a dir poco ostico delle ultime giornate.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *