UFFICIALE – Casalpusterlengo si assicura i colpi dell’esperta ala italo-argentina Juan Manuel Carrizo

Bronzo ai Mondiali Under 21 con l’albiceleste, gioca in Italia dal 2001 e arriva da Latina: porta in rossoblu tiro da fuori e freddezza nei momenti decisivi.
CODOGNOL’Assigeco assimila un po’ dell’anima tenace della pampa argentina per rifinire la composizione del roster da affidare al coach Andrea Zanchi in vista dell’ingresso nella A2 Gold. Per sostituire nel ruolo di ala il prode Daniele Bonessio, andato a Matera, il club rossoblu, decide di affidarsi all’esperienza e alla capacità di fare canestro di Manuel Antonio Carrizo Cordova, argentino di Buenos Aires naturalizzato italiano, 1.98 d’altezza per 90 chili, 34 anni il prossimo 28 settembre. Un giocatore di grandi capacità, ottima opzione per il tiro da fuori, notevolmente “navigato” nel basket italiano, sia a livello di LegaDue che in B1 (sette stagioni con quattro promozioni, ndr), in grado di dare un contributo prezioso alle esigenze di un gruppo giovane come quello dell’Assigeco, desideroso di cresce e migliorare ulteriormente anche nella nuova stagione in categoria da spendere a caccia della salvezza. Manuel Carrizo inizia a giocare in Argentina nell’Estudiantes Santa Rosa, esordendo pure in Serie A con il Ferro Carril Oeste (2000/2001) per vincere poi la medaglia di bronzo ai Mondiali in Giappone con l’Under 21 dell’albiceleste. Il suo arrivo in Italia coincide con l’ingaggio della Dinamo Sassari (2001/2004), per poi passare a Veroli (2004/2007) e alla Reyer Venezia (2008/2010) in LegaDue. Una stagione a Montecatini (2010/2011) è il preludio all’eccezionale esperienza di Ferentino (2010/2013), interrotta solo per trasferirsi a Latina, dove l’anno scorso vince la Coppa Italia di Serie B (nominato mvp della finalissima) e conquista il passaggio alla A2 Silver. L’arrivo di Carrizo per l’Assigeco significa l’opportunità di avere un elemento in grado di fare la differenza nei momenti che contano, quando la palla scotta e ci vogliono freddezza e abilità per domarla e infilarla nella retina. Uno specialista da integrare nel nucleo del gruppo riconfermato dalla passata stagione, al quale è stato recentemente aggiunto Mitch Poletti. Ecco dunque il pivot milanese e Alberto Chiumenti a giostare in area, con “Pippo” Ricci e Manuel Carrizo a tenere sotto pressione le difese avversarie dal perimetro, con la chance di andare pure a giocare vicino a canestro: schemi che coach Zanchi deve delineare tenendo presente le caratteristiche dei nuovi arrivati. Già incassata la conferma di Marco Spissu, all’Assigeco serve solo un’ultima operazione di mercato per completare il settore “piccoli” e avere così il roster pronto a iniziare la nuova stagione

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *