A2 Gold – Legion trascina Trapani, Napoli è costretta a leccarsi le ferite.

E la doppietta riesce. Trapani capitalizza i due turni casalinghi consecutivi, battendo anche Napoli sette giorni dopo Casale Monferrato. Un successo prestigioso, considerato il blasone dell’avversario, quanto prezioso perché consente alla squadra allenata da Lardo di sorpassare in classifica proprio i partenopei. I padroni di casa, trascinati da un Legion semplicemente strepitoso al suo debutto, hanno mantenuto maggiore continuità durante i quaranta minuti, restando poi lucidi nella gestione del finale. Fondamentale, in questa fase, la precisione nei tiri liberi di Baldassare, spedito sistematicamente in lunetta dai falli degli azzurri, ai quali non è bastato un Brkic da 32 punti e il 53% dal campo per conquistare il primo successo esterno.

Ancora una volta la Givova Flor do Café, priva di Metreveli a causa di motivi familiari che lo hanno costretto a tornare in Georgia, deve recitare il mea culpa per i black out offensivi che, alla lunga, hanno finito per pesare sul risultato negativo. Il primo si è verificato nella seconda frazione, quando in otto minuti Napoli ha segnato la miseria di 7 punti. Dal 25-30 del 12′, Trapani ha messo a segno un parziale in proprio favore di 21 a 5. Protagonista assoluto del break è stato Legion, inizialmente escluso da Lardo dallo starting five, poi messo sul parquet ad un minuto dalla fine del primo quarto. L’ex Veroli, una volta scaldata la mano, ha cominciato a martellare la retina avversaria dal perimetro. Gli ospiti hanno accusato il colpo ma nel terzo periodo, lentamente, grazie a Brkic e Jackson hanno ricucito lo strappo, riportando il punteggio in equilibrio.

 

Nei dieci minuti finali però è andato in onda il film già visto nella seconda frazione: nuovo break di 9-0 in favore di Trapani, con Napoli a digiuno di punti per cinque lunghi minuti. È il parziale che, di fatto, ha indirizzato la gara in favore della Lighthouse. I sei punti di vantaggio conquistati – 73-66′ – con poco più di tre minuti ancora da giocare, sono stati difesi con le unghie e con i denti dai siciliani. Il solito Brkic, ultimo a gettare la spugna, ha riportato sotto Napoli. Dalla lunetta però Baldassarre non ha tremato e la Givova Flor do Cafè ancora una volta torna a mani vuote da una trasferta.

 

BasketItaly.it MVP: Alex Legion. Con appena due allenamenti insieme ai suoi nuovi compagni, l’ex Veroli ha dato subito dimostrazione di tutto il suo talento. 28 punti in soli 25 minuti, accompagnati da uno stratosferico 67% al tiro. Chi ben comincia….

 

Lighthouse Trapani – Givova Flor do Café Napoli 85-82 (21-22; 47-39; 61-60)

Lighthouse Trapani: Renzi 8; Meini 16; De Vincenzo 1; Baldassarre 15; Bossi; Bray 3; Ferrero 10; Conti 4; Legion 28; n.e. Urbani. All. Lardo.

Givova Flor do Café Napoli: Malaventura 2; Allegretti 3; Sabbatino 7; Jackson 19; Ganeto 7; Traini 2; Brooks 10; Brkic 32; n.e. Traballesi ed Esposito. All. Calvani.

Arbitri: Migotto, Bonfante e Radaelli.

Punti quintetto: Trapani 52; Napoli 70.
Punti panchina: Trapani 33; Napoli 12.
Tiri da 2: Trapani 21/43 49%; Napoli 15/33 45%.
Tiri da 3: Trapani 11/21 52%; Napoli 12/31 39%.
Tiri liberi: Trapani 10/12 83%; Napoli 16/19 84%.
Palle recuperate/perse: Trapani 7/5; Napoli 9/3.
Rimbalzi: Trapani 32 (7 offensivi); Napoli 30 (6 offensivi).
Assist: Trapani 8; Napoli 12.
Usciti per falli: Conti

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *