A2 Gold- Jesi-Torino: le parole di Bechi e Lasi nel post partita

 Miller, torinoLa vittoria in trasferta mancava da fine Novembre: perciò l’allenatore della Manital Torino Luca Bechi non può che presentarsi nella conferenza post partita soddisfatto del risultato e del gioco espresso dai suoi ragazzi, eccellenti nel primo tempo e lucidi nei secondi venti minuti a respingere i numerosi tentativi di rimonta di Santiangeli e compagni.

L’unico disappunto deriva dalla mancanza di costanza dei giocatori nell’arco del match:“Cadiamo ancora in errori di superficialità invece di staccare definitivamente gli avversari quando sono in difficoltà: lo scarto non è stato capitalizzato, abbiamo dato a Jesi la sensazione di poter recuperare e nella seconda metà di gara la “finta zona” della Fileni ha abbassato il ritmo, mettendoci un po’ di “sabbia negli ingranaggi”.

“Di buono c’è che nel momento in cui Jesi è tornata a contatto siamo riusciti a stringere le maglie difensive, usando la zona che ci ha permesso di vincere una partita in trasferta. La squadra ha giocato collettivamente, abbiamo cinque giocatori in doppia cifra con Gergati fermatosi a quota 9: ci siamo passati bene la palla, ma le 15 palle perse sono una novità, solitamente siamo molto oculati in questa statistica”.

Elogi ci sono stati anche per il neo arrivato Ian Miller, che sta iniziando a capire quale sia il proprio ruolo nel sistema di gioco della Pms Torino: “É stato bravo a mettersi al servizio dei compagni, entrare in uno spogliatoio a metà anno non è facile. A Jesi ha avuto molte responsabilità in campo, adesso per lui arriva uno step diverso: usare il proprio talento più al servizio della squadra. Ci sta lavorando”.

Anche il coach della Fileni Maurizio Lasi, nonostante la squadra sia alla quarta sconfitta consecutiva, rimane convinto che la reazione sia il punto da cui ripartire:”Ci è costato caro il terzo fallo di Rocca: la qualità delle squadre era differente ma i ragazzi nel secondo tempo hanno dato il meglio. Dobbiamo inserire Williams e far ritrovare la forma migliore a Borsato. Con il lavoro durante la settimana anche i giovani miglioreranno e potranno darci un contributo ancora più incisivo”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *