A2 girone Ovest: Coach Viola: “i ragazzi sono stati davvero bravi a far iniziare la partita come volevamo”. Coach Corbani: “Siamo un gruppo nuovo, giovane e in parte ancora acerbo”.

michele-carrea-biella-2016-10-23

Al termine della gara fra Pallacanestro Biella e Virtus Roma, che ha visto primeggiare di misura i biellesi, coach Michele Carrea lascia il commento tecnico dell’incontro al suo vice Francesco Viola.
Coach Viola: “È stata una partita ad alto punteggio sia per noi che per Roma e ce lo si poteva aspettare, perché quando si affrontano squadre che segnano abitualmente 85 punti non si può pensare di tenerli a 50. La differenza fondamentale è che siamo riusciti a non fermare la palla in attacco, nonostante i tentativi di Roma di fermarci proprio sui cambi difensivi. Noi abbiamo cercato di lavorare su questo aspetto, sfruttando i vantaggi quando potevamo ma senza soffermarci troppo su questo, per non perdere fluidità in attacco. Credo che questo abbia giovato alla squadra, facendo ad esempio trovare a De Vico continuità nel tiro da fuori e a Jazz di prendere fiducia e segnare tanto nella seconda parte senza che venisse meno la capacità difensiva e il contrasto ai rimbalzi offensivi degli avversari che hanno in Brown il migliore specialista della Lega in questo particolare tecnico. Questa partita, in realtà, l’abbiamo giocata setto o otto volte in settimana. Se hai dei giocatori disponibili e degli allenatori che, almeno credo, preparano le partite, si può arrivare pronti alla gara. Per me i ragazzi sono stati davvero bravi a far iniziare la partita come volevamo, poi le cose sono andate diversamente da come ce le eravamo immaginate, anche perchè non potevamo immaginare di fare 103 punti. È andata così sopratutto per la difesa e per averli limitati a rimbalzo, aspetto che ci ha permesso di controllare la gara senza lasciare loro troppe seconde occasioni”.

Coach Carrea prende la parola per commentare il progresso effettuato con una miglior gestione del minutaggio degli americani per evitare di trovarli troppo stanchi nel finale: “Per la gestione dei minuti posso dire che abbiamo fatto un passettino nella direzione giusta, hanno giocato molto anche stasera e abbiamo avuto un calo del finale ma dopo 38 minuti. Volevamo dare continuità alle nostre vittorie e ci siamo riusciti, abbiamo avuto un passaggio a vuoto ma non vorrei sottolineare troppo questo aspetto, non dopo una gara come questa. In più vorrei ricordare il lavoro anche degli altri miei collaboratori Luca Baroni e Roberto Marocco, che non sono qui soltanto per motivi di spazio fisico ma che hanno ugualmente grande merito nel lavoro che stiamo facendo”.

Coach Corbani: “Grazie al club, a Massimo Angelico e a Francesco Montoro per il regalo che hanno voluto farmi. Poi sinceri complimenti alla squadra di Biella che credo abbia giocato una partita di grande spessore difensivo, pronta su ogni nostro gioco e situazione. Ci aspettavamo questa solidità avendo visto le precedenti partite e la loro capacità di mettere il corpo e di non essere mai in ritardo. Noi volevamo muovere la palla per avere vantaggi, ma ha prevalso la capacità di Biella di impedircelo quasi sempre. Nonostante questo siamo rimasti aggrappati alla partita per lunghi tratti, dove non siamo andati bene è dove non volevamo dare occasioni agli avversari spalle a canestro, lì abbiamo perso sicurezza difensiva e ritmo della gara, non riuscendo ad avere nel finale quel vantaggio nella corsa che avremmo voluto. Invece loro sono arrivati nell’ultimo quarto ancora con grande lucidità, energia e precisione al tiro. Biella è un campo dove è bello giocare, dove il pubblico spinge la sua squadra e trasmette sensazioni positive, dove non ci sono situazioni antipatiche o ostili. Anche se l’accoglienza della curva non è stata positiva, rispetto le opinioni e i pensieri di tutti e in parte li posso anche capire. Ringrazio chi mi ha applaudito, ma rispetto chi la pensa diversamente. Siamo un gruppo nuovo, giovane e in parte ancora acerbo. Abbiamo giocatori italiani che vogliamo siano protagonisti, ci siamo presentati a Biella da minicapolista, non ce lo aspettavamo prima dell’inizio del campionato, eravamo contenti come siamo contenti di aver oggi 3 vittorie in 4 partite, anche se certo non siamo contenti di aver perso. È uno stimolo per fare meglio e migliorare nel nostro processo, abbiamo tante cose da mettere in pratica sulle quali ancora non lavoreremo perchè vogliamo prima avere una crescita individuale di ogni giocatore”.

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *