A2 Silver – Il punto dopo la 4a Giornata: Treviso comanda, dietro è bagarre

Dopo il quarto turno di campionato si può già fare un quadro globale, anche se ovviamente momentaneo, su chi sta 14560614395 19099b9e02 nmeritando la posizione che occupa, su chi ancora deve crescere e su chi ha deluso, oltre alle tante e belle individualità espresse sul parquet. Treviso capolista dopo 160 minuti, frutto di un filotto di 4 vittorie su altrettanto gare: l’ultima a Legnano, senza Pinton e Fantinelli, da grande squadra, che prima rincorre gli avversari e poi li trafigge sul più bello, con il duo Powell (probabilmente il miglior americano fino ad ora)-Fabi a menare le danze; per i padroni di casa onesta prova difensiva, e solita partita da gladiatore vero per Di Bella.

Subito dietro il gruppone di sei squadre, e quasi tutte reduci da una vittoria: Ferrara risale prepotentemente grazie al suo leader, Kenny Hasbrouck, autore di 28 punti, ma 20 dei quali nel primo tempo, e autentico mattatore della serata. Per Piacenza, seppur volenterosa in tutta la durata dei 40 minuti, si fa veramente notte fonda, e con 0 punti la classifica comincia a farsi molto deficitaria.

Colpo di Latina, che sbanca il difficile PalaMangano di Scafati, dopo un finale rocambolesco e risolto solo nei possessi conclusivi: Austin si traveste da Durant e “piazza” una terrificante doppia-doppia da 26 punti e 11 rimbalzi, ben coadiuvato da Nardi da 17 punti, mandando al tappeto i campani, che nonostante i 23 di Hamilton e 15 di Ruggiero non sono riusciti nell’intento di portarsi a quattro in classifica, ed è notizia di poche ore fa la rescissione tra Scafati e coach Ponticiello. Arriva Putignano?

Omegna travolge tra le mura amiche Chieti, confermandosi super sul parquet di casa, con quattro uomini in doppia cifra, tra cui i 18 di Tavernelli sempre più leader nascosto per coach Magro. Gurini e Conger fanno tutto il resto, e in attesa del rientro di Fontecchio è stato firmato Marcelo Dip, oriundo nella scorsa stagione in DNB a Pescara; per gli ospiti sconfitta che tutto sommato può anche starci, la prima dopo 3 vittorie consecutive.

Ancora una vittoria per la Viola Reggio Calabria di coach Benedetto, su Treviglio questa volta, e mettendo in mostra un super Ammannato, da 21 e 8, spalleggiato dal solito Deloach con 15 punti  e Rossi con 12; i reggini, disponendo di un roster validissimo, si piazzano a ridosso di Treviso, e con un pubblico che si sta riaccendendo gara dopo gara. Per gli ospiti, buona la prova di Lele Rossi, 16+12.

Matera, a sorpresa, cade al PalaSassi contro Ravenna, la vera sorpresa insieme a Chieti di quest’inizio di campionato:  cinque in doppia cifra per i romagnoli, dove spicca su tutti la gara di Singletary con 18 punti, seguito da Cicognani con 16 e 9, e capitan Amoni con 15. Delusione per i padroni di casa, dopo l’assurdo finale di Treviglio, abdicano ancora una volta nell’ultima frazione, e con un pessimo Greene da 9 punti e 1/7 al tiro da tre.

Nelle restanti due gare, veri e propri scontri salvezza, che potrebbero rivelarsi fondamentali nel prosieguo del campionato: Recanati piazza il colpo al PalaMaggetti di Roseto, espugnando il parquet rosetano dopo aver condotto per trenta minuti abbondanti e nonostante i padroni di casa avessero la gara in pugno nel finale. Grande la prova di Mosley, con 15 e 10 rimbalzi, spalleggiato da Sykes con 18 e Pierini con 12, mentre per gli Sharks 22 di Pitts (ma con 9/21), 12 e 10 di Janelidze e solamente 9 di Usher.

Imola batte Tortona in casa, e si porta a quattro punti, in una posizione di assoluta tranquillità, per ora, non dando mai l’impressione di voler cedere il passo ai piemontesi, anche se c’è apprensione per Perry, uscito malconcio a fine gara. Sei in doppia cifra tra le file di Imola, con un ritrovato Bushati da 12 punti, per gli ospiti, invece, si salva il solo Rotondo con 21 punti.

 

Basketitaly.it – Riproduzione Riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *