A2 Girone Est – Riscatto Trieste, sprofondo Imola

                                                                                              

Nell’anticipo della terza giornata a Est convincente vittoria scaccia-crisi di Trieste, reduce da due sonore battute d’arresto nelle prime giornate. Il risultato del PalaTrieste è clamoroso, Imola arrivava da due belle affermazioni (in trasferta contro Recanati, in casa con la Fortitudo Bologna) e poteva essere considerata la favorita del confronto. Invece Trieste ha aggredito gli avversari fin dalla palla a due, chiudendo il discorso già al termine del primo quarto. Zahariev (21 in 26’49”, 25 di valutazione) fracassa in pochi minuti la resistenza imolese, conducendo i triestini al parziale di 29-9 che chiude il primo quarto. Trieste sgasa decisa anche nella seconda frazione, toccando il 44-19 al 15’, senza che Imola possa tentare la benché minima reazione.

Anche nel secondo tempo il divario non tende a diminuire, i padroni di casa raggiungono addirittura il +38 prima di chiudere in scioltezza sull’87-53. Ottima la gestione del pallone degli uomini di Dalmasson, capaci di perdere solo 2 palloni e riconquistarne 18, tutto il contrario di Imola, che esce dal campo con uno score di 17 perse e 8 recuperi. Oltre a Zahariev, migliore in campo, per i giuliani si mettono in luce il “vecchio” Pecile (9) e Parks (16). Per gli ospiti nulla da salvare, con il solo Anderson (11) a raggiungere la doppia cifra. Sconfortanti le percentuali al tiro (40% da 2, 13% da 3) per una squadra che esce notevolmente ridimensionata da quest’anticipo dopo lo splendido inizio di campionato.

Pallacanestro Trieste – Andrea Costa Imola 87-53 (29-9; 51-31; 69-37)

Trieste: Parks 16, Bossi 6, Coronica 4, De Marchi 2, Ferraro, Pecile 9, Balmasso 7, Landi 5, Prandin 7, Pipitone 4, Canavesi 6, Zahariev 21.

Imola: Washington 4, Sgorbati 4, Maggioli 4, Cai, Amoni 8, De Nicolao 2, Prato 3, Preti 1, Anderson 11, Hassan 9, Sabatini 7.

Foto credits: Pallacanestro Trieste sito ufficiale

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata

 

 

 

 

 

 

 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *