Venezia-Pistoia. Reyer con l’obbiettivo della Finale, i toscani per sorprendere.

hrvoje peric reyer venezia 2017-05-13

Questa sera al PalaTaliercio, inizio ore 19:30, scatta la serie dei quarti playoff tra l’Umana Reyer Venezia e la The Flexx Pistoia. Venezia con la testa di serie numero 2 cercherà di fare lo step successivo alle due annate precedenti finite con il raggiungimento della semifinale. Le tocca ai quarti Pistoia, un cliente scomodo, soprattutto al PalaCarrara dove ha vinto 13 delle 15 gare disputate.

Qui Venezia:

La truppa oro-granata ha chiuso la stagione regolare al secondo posto, frutto di 21 vittorie e 9 sconfitte. Dopo un inizio non proprio convincente, da novembre ha ingranato seguendo un ottimo ruolino di marcia (7 W di fila tra la 7a e la 13a di andata). Ha avuto poi un calo a febbraio con 4 sconfitte consecutive in corrispondenza alle Final Eight di Coppa Italia (eliminata al primo turno da Brescia); ma, grazie agli innesti di Stone e Batista (quest’ultimo ha giocato molto di rado) che hanno allungato il roster, e i recuperi a pieno regime di Tonut e Ress, Venezia ha terminato con 9 vinte nelle ultime 10, l’unica sconfitta in casa della capolista Milano. La Reyer si presenta quindi ai playoff con ambizioni almeno da Finale. Coach Walter De Raffaele ha saputo creare un ottimo gruppo, coeso fuori e dentro il campo, trovando una buona chimica stabilendo ruoli e gerarchie ben definite. Non si dimentica di certo l’inaspettato traguardo delle Final Four di Champions League, un’esperienza europea che ha saputo valorizzare la squadra nel corso della stagione.

Qui Pistoia:

E’ stata una stagione non semplice e molto movimentata quella della The Flexx con tanti aggiustamenti nel roster in partenze e arrivi. La compagine bianco-rossa però è riuscita a trovare l’obiettivo salvezza senza troppi patemi, e all’ultima giornata ha centrato perfino il treno playoff. Meriti, e tanti, di coach Vincenzo Esposito (il migliore della stagione), che ha saputo come l’anno precedente plasmare a suo piacimento una truppa con poco talento individuale trasformandola in Squadra inculcando nei propri giocatori un obbiettivo comune, ossia preferire il bene della squadra alla scena personale. Ma se nel corso della stagione il PalaCarrara si è trasformato in un “bunker” con ben 13 vittorie a fronte di sole 2 sconfitte, in trasferta i bianco-rossi hanno colpito solo a Pesaro e Torino.

I precedenti stagionali:

Le due squadre non si sono mai affrontate a livello di playoff. Nell’attuale stagione regolare, il bilancio è di 2-0 per Venezia. Nel match d’andata la Reyer vinse al PalaTaliercio 74-62, (qui la cronaca) decisivo l’ultimo quarto di 27-13. Nel match di ritorno gli oro-granata espugnarono il PalaCarrara per 71-77 (qui la cronaca) dove furono decisivi l’ex Ariel Filloy, 20 punti con 8/12 al tiro, e Hrvoje Peric. Due partite combattute dove in entrambe le occasioni i toscani hanno dimostrato di reggere l’urto avversario.

Le stelle delle due squadre:

Offensivamente Venezia presenta ben pochi punti di riferimento agli avversari, dato che sono ben 8 i giocatori oro-granata con almeno 7,7 punti di media in campionato. Potrebbero essere i playoff della consacrazione definitiva di Stefano Tonut, in aumento di condizione dal post-infortunio alla schiena, ma è con la coppia di “4” Peric-Ejim che Venezia gioca con migliore difesa e atletismo. Per Pistoia l’uomo oscuro è Michael Jenkins, catalizzatore dei playoff: 5 vinte nelle ultime 7 dal suo arrivo, la giusta guardia come risposta agli esperimenti falliti di Hawkins e Roberts, e tanta sicurezza per i compagni, Terran Petteway soprattutto. Attenzione a Crosariol, nota positiva per tutto l’arco della stagione e perno del reparto sotto-canestro oltre che del comparto italiano con Antonutti, Lombardi e Magro che portano solidità sulle due metà campo nei pochi minuti sul parquet.

Pronostico:

Venezia parte sicuramente con i favori dei pronostici ma, per chiudere la serie in 3 o 4 partite, è necessario uscire indenni dalle prime due sfide che si giocheranno al PalaTaliercio dove conterà soprattutto l’approccio mentale. La Reyer può scegliere i 7 stranieri da un gruppo di 9, quindi un roster lungo che in partite ravvicinate può essere un vantaggio. Per Pistoia, che giocherà di fatto senza troppe pressioni e con la tranquillità di chi ha già fatto il proprio dovere, sarà importante mantenere alta l’intensità difensiva, senza snaturarsi. Previsione: 3-1 per Venezia.

Calendario:

Gara-1 (PalaTaliercio): sabato 13 maggio, ore 19:30 – diretta Tv Sky Sport 2
Gara-2 (PalaTaliercio): lunedì 15 maggio, ore 20:30
Gara-3 (PalaCarrara): mercoledì 17 maggio ore 20:30
ev. Gara-4 (PalaCarrara): venerdì 19 maggio ore 20:30
ev. Gara-5 (PalaTaliercio): martedì 23 maggio ore 20:30

BasketItaly.it – Riproduzione riservata