Una Brindisi rinnovata ospita la Virtus Bologna

Cederic Simmons Brindisi

Dopo la vittoria all’ultimo minuto in Eurochallenge, Brindisi si rituffa nel campionato andando a sfidare una squadra solida come Bologna. Il record per entrambe le squadre è di 3/3, con le due compagini che rendono meglio di fronte al pubblico amico. Sarà anche una sfida tra due allenatori che fanno della difesa il loro credo, anche se il talento offensivo non manca.

Qui Brindisi – Piccola rivoluzione in casa Enel, che in settimana ha salutato Sek Henry e Dejan Ivanov entrambi rimasti in Lega A. È arrivato però Jacob Pullen, che, per ironia della sorte, esordirà proprio contro la sua ex squadra. Difficile pensare che il giocatore possa entrare subito negli schemi di Bucchi, ma di sicuro potrà trovare minuti importanti. Il talento del giocatore non si discute, mentre sulle doti di playmaker ci sarebbe qualche obiezione in più. Il pallone è uno solo e per l’inserimento dell’ex Bologna sarà decisivo vedere la chimica che si creerà con Turner e Denmon, entrambi grandi realizzatori. La partita di oggi sarà anche l’occasione per il PalaPentassuglia di riabbracciare Cedric Simmons, che ritornerà di fronte al suo pubblico per la prima volta in questa stagione. Per rimanere sotto canestro, ancora assente Mays, la cui data di rientro non è ancora stata fissata.

Qui Bologna – La squadra di Valli è reduce dalla buona prova contro Venezia, che ha dimostrato ancora una volta che la Granarolo, almeno in casa, può giocarsela con chiunque. Diverso il discorso in trasferta, visto che secondo il coach c’è ancora da lavorare sui blackout che spesso segnano le partite: “Abbiamo capito che non possiamo mai andare sotto a una certa intensità fisica questa intensità sopperisce ad alcune nostre difficoltà tattiche che ancora abbiamo e sulle quali stiamo migliorando. Ci siamo abituati a subire parziali importanti e a recuperarli. I break di solito nascono sul contropiede per errori nostri offensivi, l’attenzione in attacco è quella che può fare la differenza, soprattutto in trasferta. A difesa schierata siamo solidi, dobbiamo limitare invece il contropiede.” Ancora in dubbio Hazell, che ha qualche problema alla schiena. La decisione sarà presa all’ultimo, ma probabilmente giocherà. 

La chiave tattica – Tra due squadre che difendono così bene, sarà decisivo l’attacco. L’Enel tra l’altro è la seconda miglior difesa casalinga con 70.3 punti concessi, mentre la Granarolo lontano dall’Unipol Arena fatica a segnare (72 punti fatti on the road, contro i 77.3 di fronte il pubblico amico). L’innesto di Pullen potrebbe dare una mano all’attacco brindisino, ma anche sparigliare le carte, visto che la sua presenza sarà di certo più ingombrante di quella di Henry. Come detto da Valli, per Bologna sarà decisivo limitare i momenti di blackout, andando a sopperire con la testa le difficoltà fisiche.

Palla a due alle 18.15, con diretta su TRC. Arbitreranno i signori Sahin, Borgioni, Caiazza.