Torino ospita Brindisi: sfida per obiettivi comuni nella 5° giornata di ritorno

phil goss, marco cardillo brindisi 2016-12-19

Dopo la brillante prestazione alle Final Eight di Rimini, l’Enel Brindisi torna a lavorare per il campionato e ad allenarsi in vista della trasferta in quel di Torino. L’Auxilium è reduce dalla pesante sconfitta per mano di Cremona e vorrà riscattarsi davanti al proprio pubblico, mentre i pugliesi hanno ripreso fiducia proprio dall’ultima vittoria casalinga contro Varese.

 

QUI TORINO: La Fiat ha incassato l’ultima vittoria il 29 gennaio, quando ha espugnato l’arena di Pesaro, poi stop di due giornate che hanno visto i gialloblu perdere con Capo d’Orlando e Cremona. Ora è tempo di riscattarsi e conquistare due punti importanti, sia per guardare con più distacco la parte bassa della classifica, sia per sognare in chiave playoff.

Il capitano dell’Auxilium DJ White spende due parole dopo il lavoro svolto durante la settimana: “Dobbiamo andare avanti e cercare di cancellare la delusione per le ultime due sconfitte; è inutile continuare a pensarci, ormai non ci possiamo fare più niente. Abbiamo altre 11 partite e sappiamo perfettamente che ognuna di esse sarà di fondamentale importanza ai fini della classifica. Proprio per questo motivo adesso è giusto concentrarci sul match di domenica contro Brindisi cercando di trasformare la rabbia in carica agonistica. A nessuno piace perdere come è capitato nell’ultima giornata, ma sono cose che possono capitare nello sport. Ciascuno di noi sa quali sono state le proprie colpe, io per primo. Ci siamo allenati intensamente in tutti questi giorni e io ormai non penso più alla partita contro Cremona; tutte le mie energie, fisiche e mentali, sono rivolte a quella contro Brindisi”, prosegue il lungo torinese.  “Sappiamo che i tifosi sono rimasti delusi dalla nostra ultima prestazione, ma siamo certi che ci staranno vicini come hanno sempre fatto. Ricordo bene, come esattamente un anno fa, in un momento della stagione ben più complicato di questo, il loro sostegno non sia mai mancato, anzi, sia stato uno degli elementi fondamentali per conquistare la salvezza”, conclude l’atleta gialloblu.

 

QUI BRINDISI: C’è ancora dell’amaro in bocca per la gara disputata contro l’Olimpia al Polo Fieristico di Rimini. I ragazzi di coach Sacchetti si sono battuti fino alla fine dando prova di essere un gruppo solido e imprevedibile, mettendo in campo non solo la tecnica ma soprattutto il cuore. L’allenatore biancazzurro è soddisfatto del lavoro della sua squadra e crede che sia questa la strada giusta per continuare a fare bene anche in campionato. Vincere a Torino varrebbe arrivare a quota 20 punti in classifica e continuare a spiare la griglia playoff da dietro l’angolo.

“La prestazione realizzata alla Final Eight di Coppa Italia contro Milano deve rappresentare l’indice dell’intensità e concentrazione che dovremo mettere in campo a partire da Domenica prossima per il prosieguo della stagione. Se vogliamo essere protagonisti del finale di stagione e raggiungere i playoff dobbiamo giocare come contro i campioni d’Italia, acquisendo consapevolezza nei nostri mezzi”, ha dichiarato coach Esposito in conferenza stampa. “Per certi versi Torino è simile per caratteristiche a Milano, avendo giocatori che amano correre a campo aperto. Lo sappiamo bene visto il precedente del match di andata, quando ci misero in grossa difficoltà soprattutto nel primo tempo, in cui realizzarono ben 18 punti in contropiede. Torino rappresenta un crocevia importante per ciò che vogliamo realmente essere”, ha proseguito.

Ai microfoni anche il giovane Donzelli, reduce da una solida ed energica prova personale contro la capolista: “Sono stato due mesi fermo e non vedevo l’ora di tornare a giocare. Ho dato tutto, sono anche entrato in trance agonistica cercando di aiutare in ogni modo i miei compagni. Abbiamo sfiorato la vittoria ma siamo contenti della prestazione”.

 

Palla a due alle 18.15 al PalaRuffini di Torino.