Sutor: un’estate tra mille dubbi

Il popolo sutorino sta vivendo un estate sulle montagne russe. Infatti si è passati dalla fine del campionato scorso in cui le possibilità dell’iscrizione al campionato di serie A erano ridottissime, al cauto ottimismo al momento della costituzione del consorzio ‘Insieme per la Sutor’ che ha permesso con il suo intervento decisivo di immettere liquidità nelle casse societarie. Poi l’umore è andato sempre più migliorando toccando l’apice quando in pochi giorni sono stati ufficializzati prima il Gm Santoro, poi il coach Charlie Recalcati, la vera e propria punta di diamante nel progetto gialloblù per arrivare alla salvezza. Sono arrivati i giocatori: Andrews, Steele, Burns e Johnson. Tutti nuovi per il campionato italiano, ma scelti, perché già usciti dal proprio paese e quindi non alla prima esperienza fuori dagli States. E qui sono iniziati i primi mugugni, per una tifoseria molto competente ed esigente, che nei passati campionati aveva visto approdare a Montegranaro nomi molto più altisonanti di questi.

Da ferragosto, giorno del raduno di staff tecnico e squadra, sono iniziati gli allenamenti, e ci sono state le prime amichevoli. L’esordio è avvenuto alla Bombonera contro il Ferentino Basket, neo promossa in Legadue dalle ambizioni di alta classifica. Le due squadre hanno espresso un buon ritmo, senza risparmiarsi, prima di cedere alle gambe pesanti, reduci da carichi di lavoro importanti, dopo una trentina di minuti. Le prime preoccupazioni sul roster derivano proprio da questa partita, infatti Burns ha giocato poco perché in via di recupero dall’intervento al ginocchio subito nel passato campionato, e ha costretto il coach a schierare per tanti minuti Slay da ala grande.

Ma facendo di necessità virtù, è stata una piacevole scoperta veder giocare insieme Steele e Di Bella. Qualche perplessità è stata invece lasciata da Johnsons e Andrews, il primo perché è sembrato un pò al di fuori del gioco, mentre il secondo ha mostrato subito le sue migliori qualità, atletismo e spettacolarità con schiacciate, ma ha anche palesato una scarsa propensione al rimbalzo (soprattutto nel taglia fuori) e una difesa alquanto rivedibile. La partita è finita 81 a 68 per la Sutor con Slay miglior marcatore con 19 punti e Cinciarini con 13.

La seconda uscita ufficiale per i gialloblù è stata il triangolare di Tolentino del 2 settembre, disputato con Jesi e Recanati. Il torneo comprendeva tre partite composte da due tempi di 12 minuti ciascuna, a partire dallo scontro tra Montegranaro e la formazione leopardiana. La Sutor ha vinto, con alcune difficoltà, una gara contrassegnata ancora una volta dalla difficoltà del reparto lunghi di incidere in un match contro una squadra di 2 categorie inferiori. Stesso discorso per la seconda gara che la vedeva contrapposta alla Fileni di coach Cioppi: ma qui la gara è terminata con un solo punto di differenza 46-47, e con qualche contestazione arbitrale degli jesini.

Il terzo ed ultimo atto, per ora, del precampionato gialloblù, è andato in scena mercoledì sera, con il classico appuntamento per il memorial Rudy Terenzi disputato a Senigallia contro i cugini della Flaco Pesaro. Scavolini ampiamente rimaneggiata viste le assenze di Cavaliero, ancora impegnato con la nazionale di Pianigiani, e Barbour che si aggregherà nei prossimi giorni con i compagni. Mentre tra i veregrensi mancava il pivot Andrews, tornato in america per alcune pratiche burocratiche da svolgere. Il derby delle marche è vinto ancora una volta dalla Sutor, che ha dovuto rincorrere per tre quarti, ma con un’ultima frazione solida, trascinata da Cinciarini ha portato a casa un risultato che sta molto a cuore del popolo gialloblù. Buone indicazioni arrivano, oltre che dal solito Di Bella, anche da Burns e Steele.

Prossimi appuntamenti sul parquet per i ragazzi di coach Recalcati: questa sera, a Matera, contro la Bawer Olimpia, poi domani, a Trani, per un quadrangolare con Avellino, Brindisi e Caserta. Soprattutto da quest’ultimo si avranno ulteriori indicazioni sulla crescita del gruppo, e sui possibili interventi da apportare nel roster. Infatti ancora si sta sondando il mercato, e attendendo che le richieste dei procuratori scendano, per portare un quarto lungo d’esperienza che possa far dormire sonni più tranquilli ai tifosi sutorini.

Coach Recalcati al termine del torneo ha dichiarato alla stampa: “Sono partite di allenamento, e dobbiamo farlo capire ai nostri giocatori. Non abbiamo ancora raggiunto lo stato di forma ideale, con il tempo ci arriveremo; nel complesso segnali positivi, ma avremmo voluto fare di più”.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *