Siena-Milano: la grande classica degli ultimi anni domani al PalaEstra

Domani sera il posticipo del sesto turno al PalaEstra di Siena vedrà affrontarsi i campioni d’Italia della Montepaschi contro i finalisti dello scorso campionato l’EA7 Milano. La gara, grande classica del nostro campionato da un lustro a questa parte, sarà trasmessa in diretta dalle telecamere di Raisport. La partita come ogni match clou che si rispetti avrà una grande cornice di pubblico, previsto il tutto esaurito nell’impianto senese per domani sera. Le due squadre arrivano all’incontro con uno stato emotivo differente sulla scia degli ultimi risultati che gli uomini di Banchi e Scariolo hanno conseguito nelle ultime partite.

Morale alto in casa Montepaschi, i senesi in campionato sono al terzo posto a meno due punti in classifica dal duo di testa Sassari-Varese, ed in Eurolega hanno vinto la loro prima gara Venerdì scorso battendo i campioni di Francia dello Chalon. L’Olimpia, invece, anche se siamo agli inizi della stagione sembra già essere entrata in una pericolosa crisi d’identità. La squadra del presidente Proli in campionato finora ha vinto solo due partite a fronte di tre sconfitte (l’ultima umiliante e pesante in casa contro la Trenkwalder Reggio Emilia), mentre in Eurolega le sconfitte in fila sono due: la prima in casa contro i baschi del Caja Laboral, la seconda Giovedì scorsa in terra lituana contro lo Zalgiris. Nonostante, però, la sconfitta in terra lituana, arrivata peraltro nelle battute finali, importanti risposte sono arrivate a coach Scariolo sulla personalità ed il carattere del gruppo milanese: ora si aspettano conferme dalla gara di Siena. Sicuramente dopo le ultime sconfitte sono saliti sul banco degli imputati nella piccola Norimberga milanese la regia e la panchina. La regia di Cook è troppo altalenate, il play americano di passaporto montenegrino ha grande talento, ha migliorato le sue percentuali dal tiro da tre punti, ma la discontinuità del giocatore è palese. Il suo sostituto il croato Stipcevic è l’ombra del giocatore apprezzato l’ultimo anno e mezzo a Varese, e col toccare l’argomento play di scorta si arriva alla questione seconde linee. La lunga panchina meneghina dovrebbe essere uno dei punti di forza, ma oltre a Stipcevic, Hendrix continua a deludere, Chiotti sembra ancora spaesato nella nuova dimensione milanese, Basile e Giacchetti a causa anche di contingenti problemi fisici non hanno ancora espresso il loro valore in termini di esperienza e talento. Solo Gentile e Melli in questo quadro desolante della panchina milanese, seppure con qualche alto e basso danno il loro contributo. Tornando alla questione regia, i play milanesi si troveranno di fronte una brutta gatta da pelare in quel Bobby Brown, che in questo momento è l’uomo più in forma nel roster senese. Brown ha trascinato al successo i suoi compagni nella sofferta gara contro Chalon con una prestazione da 34 punti con un 43 in valutazione; non siamo ancora ai livelli degli illustri predecessori (Mcintyre e McCalebb), ma con le ultime prove il play ex Alba Berlino sta dimostrando di essere sulla buona strada. Oltre al confronto in regia Brown-Cook, promettono spettacolo i duelli individuali Kemp-Langford, ed Hairston-Moss. Kemp sarà al debutto in campionato, dopo aver giocato più o meno bene le gare in Eurolega, e si troverà di fronte probabilmente la guardia più forte del campionato quel Keith Langdford, che anche nella gara di Kaunas ha dimostrato tutto il suo valore a livello internazionale. Il confronto tra le ali vedrà affrontarsi il talento e l’esplosività fisica spaventosa dell’ex di giornata Malik Hairston (in maglia Montepaschi nella stagione 2010/11)  contro la solidità fisica e mentale di David Moss. Sotto canestro, vista anche l’assenza dell’altro ex Eze tra le fila della Montepaschi, il confronto chiave sarà quello tra Mario Kasun e Bourousis. Entrambi i giocatori hanno qualcosa fa farsi perdonare, infatti Kasun è stato protagonista di una difesa troppo soft su S. Williams nell’ultima partita di Eurolega contro Chalon, mentre il lungo greco a Kaunas non è riuscito a ripetersi sugli standard di rendimento delle ultime partite, ed il suo apporto, mediocre,  è mancato ai milanesi per portare in porto la vittoria contro i lituani.

 

La partita di domani sera per il grande valore ed il talento dei giocatori in campo sembra sfuggire a qualsiasi pronostico, i risultati dell’ultimo periodo farebbero propendere il pronostico a favore della Mens Sana, ma la Milano orgogliosa e determinata vista a Kaunas è avversario temibile per chiunque. Pronostico finale: grande equilibrio e grande spettacolo per il pubblico al PalaEstra e per quello incollato agli schermi televisivi.