SCANDONE OPERAIA NEL SEGNO DI LOLLO D’ERCOLE! Varese KO. (65 a 61)

Quinta vittoria in campionato per la Sidigas Avellino che fa valere la legge del Pala Del Mauro e batte una coriacea Pallacanestro Varese per 65 a 61. Partita equilibrata, decisa nel finale dalla grande esperienza di Rich e Wells, che costringono la Openjobmetis ad alzare bandiera bianca. Grande prova difensiva per i ragazzi di Attilio Caja che hanno dimostrato di essere un roster ben quadrato in campo, forte difensivamente e in grado di mettere in difficoltà compagini ben più attrezzate. E’ mancato un pizzico di malizia e attenzione ai lombardi per portare a casa i due punti e sbancare l’Irpinia. Avellino, dal canto suo, ha avuto pazienza e freddezza. E’ una vittoria di squadra che vale tanto in ottica Final Eight: tutti hanno dato il proprio contributo per il successo finale. Ne sono la prova le prestazioni eccellenti di Scrubb e D’Ercole. 10 punti per l’ex Sassari: 3 triple di gran coraggio e cattiveria. Il nativo di Richmond, invece, stato l’ago della bilancia nei minuti finali: presenza asfissiante a rimbalzo e letture di gioco perfette. Per i biancorossi non basta un D.Hollis in giornata (15 punti con 5/7 da due) ed un solidissimo Okoye che ha creato non pochi grattacapi alla difesa avellinese. La Sidigas trionfa, punisce gli errori di una Varese che ha ben figurato e sale a quota 10 in classifica. L’Openjobmetis torna a casa con la consapevolezza di poter puntare a qualcosa in più di una semplice salvezza.

CRONACA DEL MATCH: Pronti, via ed è subito parziale di 8 a 2 per i biancorossi. Il duo Okoye-Waller sugli scudi e difesa avellinese che si scioglie come il burro.  Wells chiama la carica: taglio sul lungo linea, appoggio a canestro e fallo subito. Polveri bagnate da oltre l’arco e punteggio in stallo sul 5 a 12. La zona 3-2 di Varese crea non pochi grattacapi all’attacco irpino. Avellino torna in scia con la bomba di Maarten Leunen, dopo una circolazione di palla precisa ed efficace. L’ultimo minuto di quarto vede Cain assoluto protagonista: 4 punti in un amen e massimo vantaggio ospite 10 a 16 al 10’. Ortner insegna pallacanestro: assist meraviglioso che premia il taglio di Scrubb. Errori da ambo le parti con percentuali bassissime dalla distanza. Varese concreta, equilibrata in fase difensiva, costringendo Avellino a 14 punti in 15’. L’Openjobmetis prende il largo con Hollis e la super schiacciata di Pelle. Il solo Dez Wells tiene a galla la Sidigas che soffre terribilmente la fisicità dei ragazzi di coach Caja. Passano i minuti e Norvel Pelle si trasforma in padrone dell’aria: punti, rimbalzi e presenza dominante.  Capitan Leunen dà il “LA” alla rimonta irpina, smorzata, in parte, dalla tripla a fil di sirena di Giancarlo Ferrero. 27-30 al 20’. Hamady N’Diaye uomo tutto fare: due schiacciate, che riportavano Avellino sul +1, e due stoppate da paura. La Scandone allarga il campo in transizione e la tripla di Filloy fa venir giù il Pala Del Mauro. Okoye pesca dal cilindro due punti che permettono a Varese di tornare in scia.  Allo spettacolo offensivo di N’Diaye risponde senza paura Pelle, con una super inchiodata. Scrubb in transizione per l’allungo biancoverde. Il numero 11 è ovunque, su ogni pallone, su ogni palla volante con delle letture di gioco ai limiti della perfezione. Avellino padrona del campo con un superbo Lollo D’Ercole: 9 punti 3/3 dai 6 e 75, tanta grinta e cattiveria. Wells e Avramovic fermano l’emorragia e l’Openjobmetis resta aggrappata al match. Palla persa di Leunen e contropiede di Hollis per il -1 ospite. Sanguinosa rimessa sbagliata di Rich che vale il vantaggio biancorosso ad un minuto dalla fine. 50” da cardiopalma: prima la tripla di Rich e poi il tiro sbagliato di Wells regalato la vittoria alla Sidigas Avellino.  65-61

ATTILIO CAJA: “C’è un po’ di rammarico: siamo stati bravi a resistere quando Avellino ha dato la spallata decisiva alla partita. La nostra difesa è stata molto buono e tra il terzo e il quattro quarto hanno trovato gli spazi giusti per attaccare. Abbiamo provato a spingere. Un po’ più di malizia e attenzione per portarla a casa. Rich è un vincente: ha fatto quel canestro nonostante abbiamo difeso bene. Poco lucidi in attacco. D’Ercole è un giocatore esperto e potrà far bene nel sostituire Fitipaldo. Bene Avellino, più esperta. La Scandone è una squadra ben costruita e Sacripanti riesce a far giocare bene tutti. Dal canto nostro siamo un roster nuovo: dobbiamo salvarci ma ci vuole un percorso a tappe perché siamo pieni di esordienti. Cercheremo di non soffrire fino alla fine.”

PINO SACRIPNATI: “Grande squadra Varese, ben allenata e gran bella vittoria. Oggi Jason Rich ha fatto 1/13 e poi ci fa vincere la partita. E’ un segnale fondamentale per un gerarchia che si sta creando. Ha avuto io il coraggio di metterlo in campo, lui il coraggio di segnare. Ci manca un giocatore: Lollo ha fatto una gara ottima da play e canestri importanti. Terza cosa: in una giornata iniziata in modo difficile, abbiamo tenuto Varese a 61. Tutti hanno partecipato difensivamente. Thomas Scrubb ha preso molto di più di tre rimbalzi ed è stato utilissimo. Speriamo che Zerini starà bene perché ha preso una grande botta. Il pubblico ci ha aiutato nel momento difficile. Questa è una squadra da amare. Noi abbiamo avuto la pazienza, la voglia e la volontà di portarla a casa. Mi sta piacendo Hamady che sta migliorando giorno dopo giorno con una grande dedizione.”

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *