Scacco matto DINAMO, battuta Montegranaro

Con uno splendido fade away Travis Diener fa volare la Dinamo Banco di Sardegna Sassari, che batte in casa Montegranaro e accellera pesantemente la sua corsa verso i play off.
Montegranaro ha provato a sfruttare tutte le sue armi a disposizione, spesso pungendo i punti deboli della Dinamo ma si è dovuta arrendera ad una magia del play della Dinamo.

Primo quarto caratterizzato dalla forza fisica di Montegranaro, in particolare di May e Ivanov, si capisce subito che Valli ha individuato due pecche nella Dinamo, una è la forza in chili sotto canestro e May attacca constantemente l’area soprattutto su Easley, l’altro punto è la difesa di Travis Diener, qual’ora il gioco sotto non andasse in porto Montegranaro attacca sempre il canestro con l’uomo marcato dal play della dinamo. Ovviamente Meo Sacchetti risponde con le contromosse, prima opera un cambio della marcatura su May, con Plisnic sul centro americano e Easley che si sposta su Ivanov, poi spazio a capitan Vanuzzo, con Plisnic che passa da centro e allarga i giochi della Dinamo. Sembra una partita a scacchi fra i due coach, ma nessuno per ora riesce a mangiare le pedine dell’avversario; May ne fa 10 (6/9) e Plisnic risponde con 8 con il 100% dal campo. Il quarto si chiude con Karl che riesce e non soffrire Hosley e il punteggio che dice 25 27 per Montegranaro, con la Dinamo in netta ripresa rispetto all’inizio della partita.
Il secondo quarto si apre con una bella difesa della Fabi e la partita a scacchi che prosegue, May riprende da dove aveva lasciato, ma la Dinamo dato che non può sfruttare i chili, sfrutta l’agilità, dentro Devecchi e Sacchetti che riescono a trovare dei buoni rimbalzi in attacco, con il figlio del coach della Dinamo che costringe Nicevic all’antisportivo dal quale però arrivano solo i punti dai liberi.
Valli prova ad alzare la difesa e dopo essere passato in svantaggio ritrova punti con Ivanov, McNeal e Zoroski, la Dinamo si affida a delle iniziative individuali, che portano 5 punti di Hosley e il nuovo controsorpasso nonché un nuovo time out dei marchigiani.
La Dinamo trova la controfigura di Easley del primo tempo, che inizia a farsi trovare bene sotto canestro e ne mette 8 con anche un AND1, ora la Dinamo riesce anche a difendere meglio, con dei raddoppi sistematici che hanno però la conseguenza di liberare gli esterni, sul 40 35 McNeal mette la tripla e la partita è sempre accesa.
Il finale di quarto vede sempre protagonista Easley da una parte e Zoroski dall’altra, il play serbo, anche se non al meglio si fa notare, sia in positivo che in negativo, prima perde palla contro Hosley che gli si francobolla addosso, poi trova la tripla che impedisce alla Dinamo di scappar via, il quarto si chiude sul 48 44 in favore dei padroni di casa, con la partita a scacchi che prosegue sotto gli occhi degli oltre 4000 presenti.

 

Terzo quarto che vede la Dinamo schierarsi a zona ed una prima parte un po’ confusa , ma con i padroni di casa che provano ad allungare, prima Hosley in fade away poi Easley che riprende da dove aveva lasciato facendosi trovare pronto sotto canestro.
Per gli ospiti prova McNeal a suonare la carica ma Hosley libera Travis Diener dopo un bel triangolo e la Dinamo riesce a portarsi anche sul più 8.
In quel momento arriva il terzo fallo di Easley che lascia il campo a Vanuzzo, l’assenza del colored della Dinamo lascia più spazio ad Ivanov nell’area avversaria, sui raddoppi è Hosley a sacrificarsi su May e si comporta bene in difesa anche Travis Diener su DiBella.
Drake Diener va a schiacciare il +8 e Valli chiama time out.
A metà del quarto la Dinamo prova ad allungare approfittando degli errori sotto canestro della Fabi, Fabi che prova a rispondere con la zona agli attacchi bianco blu.
Si vedono i primi risultati con un break di 5 a 0 con DiBella che restituisce la cortesia a Travis Diener e Sacchetti che chiama time out.
I chili di Montegranaro servono ora per i blocchi, McNeal li usa bene e la Dinamo non riesce a trovare uno strappo decisivo.
L’ultima frazione rivede in campo Easley ed è l’unico uomo che coach Sacchetti cambia nel suo quintetto, l’inizio del quarto è piuttosto condizionato dalle ottime difese su entrambi i fronti, la Dinamo riesce a fuggire sul +9 con una tripla splendida di Plisnic, Montegranaro risponde con Karl, che prima realizza 2 liberi e poi sul ribaltamento trova ZOROSKI che spinge la rimonta marchigiana.
La dinamo raddoppia sotto canestro, ma non riesce a bloccare i chili degli ospiti sotto canestro che arrivano anche a 4 rimbalzi offensivi consecutivi in una sola azione, sull’ultimo Ivanov costringe Easley al quarto fallo e mette 2 liberi 73 70

Il PalaSerradimigni diventa una bolgia man mano che scorre il cronometro, una bolgia che non spaventa Nicevic, nel frattempo la squadra di casa inizia ad accusare la stanchezza, Easley finisce la partita con il quinto fallo e DiBella nonostante una marcatura asfissiante di Hosley riesce a segnare il 75 74 in penetrazione.
Subito dopo però lo stesso DiBella non sfiora nemmeno il ferro e ad 1:26 dalla fine Valli richiama time out.
Sul 77 74, Zoroski mette la tripla del pareggio, sull’altro fronte sbaglia Drake Diener da tre, McNeal corre in contropiede e viene fermato fallosamente da Travis Diener, Valli chiede disperatamente l’antisportivo, gli arbitri non sono d’accordo e sulla fase di gico successivo, lo stesso McNeal gioca con il cronometro ma non ottiene niente.
L’ultimo tiro spetta dunque alla Dinamo e a giocare con il cronometro questa volta ci pensa Travis Diener, che aspetta il momento giusto per attaccare e a 80 centesimi di secondo dalla fine infila uno splendido FADE AWAY che chiude la partita.
Valli chiama time out per tentare un ultimo tiro, tiro che sulla rimessa May non riesce a compiere adegutamente e la Dinamo per la prima volta nella sua storia batte la squadra Marchigiana.
Una partita davvero emozionante, sino all’ultimissimo secondo, che alla fine ha premiato i padroni di casa, capaci di adattarsi ad una squadra diametralmente opposta per la tipologia di gioco.
La Dinamo dunque prosegue la sua marcia verso i play off ed è attesa la prossima settimana dalla scontro diretto con Pesaro, sfida affascinante e sicuramente da non perdere.
Montegranaro torna a casa , soddisfatta dal punto di vista di gioco, ma come indicato da Valli in conferenza stampa, non sono le pacche sulle spalle a dare i punti in classifica.
Ottima le prove di Plisnic e Hosley per i padroni di casa, ma negli occhi di tutto il PalaSerradimigni rimarrà l’ultimo tiro di Travis Diener