Sassari sbanca il Pala Rossini. La Sutor torna sulla terra

Al Pala Rossini si disputa la seconda giornata di campionato, la Sutor riceve Sassari, che quest’anno disputerà l’Eurocup dopo l’ottimo exploit della stagione passata. Buona la risposta del pubblico, circa 3.000 le presenze sugli spalti con la coraggiosa presenza di 12 tifosi ospiti. Coach Recalcati manda in campo: Steele, Cinciarini, Slay, Burns e Freimans. Risponde Meo Sacchetti con T. Diener, D. Diener, Thornton, Ignerskie e Easley.

Partenza a razzo per le due squadre che si fronteggiano all’arma bianca. Ma la poca precisione in attacco fa si che dopo quattro minuti il punteggio è ancora di 5 a 4 per gli ospiti.

Nella Dinamo ottimo inizio per Thorton e Easley che portanto sul 13 a 9  la propria squadra a 3 e 30 dalla prima sirena. Ottimo gioco di Steele che serve una buona palla a Burns che infila una tripla frontale per il -1. I gialloblù soffrono molto la presenza di Easley, cosi coach Recalcati tenta il cambio Freimans-Mazzola. A 2 minuti dalla fine del primo quarto fanno il proprio esordio nella gara anche i due play di riserva Di Bella e Pinton. Ma proprio in questo frangente, mentre si siede in panca con i compagni, si nota un nervosissimo Trevis Diener che colpisce con ripetuti calci delle bottigliette che erano li davanti a lui. La frazione si chiude con 4 punti di fila di Mazzola e con una tripla allo scadere di Pinton lasciato colpevolmente libero per il 20 a 16 ospite. Il secondo quarto  vede partire alla grande Montegranaro con Burns e Cinciarini, autori entrambi di 3 punti per il primo vantaggio locale (22-20) che costringe coach Sacchetti a chiamare il primo time-out. Al rientro in campo Pinton segna da 3 e riporta avanti i suoi. In campo ci sono le seconde linee e l’impressione è che Sassari sia nettamente più in palla. Da sottolineare l’ottima penetrazione sulla linea di fondo di Bryan Sacchetti che salta senza problemi Campani. L’unico che prova a fermare i biancoblù è capitan Di Bella autore di 5 punti. Slay si sblocca siglando una tripla che porta la Sutor di nuovo avanti per 32 a 31. Si nota subito il rientro in campo di Easley che raccoglie in meno di 60 secondi due rimbalzi offensivi per altrettanti extra-pass che portano 2 punti dalla linea del tiro libero. Sale in cattedra Tamar Slay con una penetrazione degna di nota, per aver subito il terzo fallo di Thornton che è pertanto subito sostituito, e per una tripla che regala il massimo vantaggio locale a +7 (39-32). Risponde la premiata ditta Diener che con 5 punti riportano in carreggiata Sassari che pareggia con un tiro in sottomano di Ignerski. L’ultima palla è in mano a  Steele, che si conferma ancora non convincente, infatti il suo tentativo sulla sirena si spegne sul ferro. Termina dunque in parità il primo tempo con 10 punti a testa per Slay e Burns (che ha anche 7 rimbalzi all’attivo), mentre per Sassari 7 punti  di Easley (con 6 rimbalzi dei quali 5 offensivi) e 6 a testa per Sacchetti e Drake Diener.

Al rientro dagli spogliatoi i quintetti chierati sono i seguenti:  Di Bella, Cinciarini, Slay, Burns e Mazzola per i locali, T. Diener, D. Diener, Sacchetti, Ignerski e Easley per gli ospiti. Si parte con 2 punti di Drake Diener, che nell’azione successiva commette fallo su Cinciarini che tirava da 3 punti, 2 su 3 dalla lunetta per lui. Una tripla della stessa guardia italiana gialloblù infiamma il pubblico per il + 5 (47-42), ma l’entusiasmo viene prontamente spento da Travis Diener che mette una tripla dall’angolo. La Dinamo prova a rallentare il gioco reputando più congeniale ragionare al gioco più ‘Dantoniano’ degli uomini di Recalcati. Altri 5 punti dei cugini Diener costringono Montegranaro al time-out sul 50-47 ospite. Il minuto di ‘riflessione’ fa bene alla Sutor che piazza un parziale di quattro a zero. I finali di quarto si confermano positivi per il Banco si Sardegna che prima vedono fermare una buona penetrazione di Slay sul ferro, per poi catapultarsi dall’altra parte con 6 secondi da giocare e segnare con Trevis Diener che pareggia il conto sul 56 pari. Si parte per gli ultimi 10 minuti con un fallo in attacco di Burns che commette il suo terzo fallo. Poi Diliegro segna dal pitturato subendo il fallo di Steele che però non tramuta in gioco da 3 punti. Sassari è più concentrata e cerca di scappare con due triple di Thornton e Devecchi che scavano un solco di 9 lunghezze per il 66-57. Valerio Mazzola  sveglia i compagni con 4 punti consecutivi, e con una tripla di Slay la Sutor si riporta sul -3 (66-69) costringendo Meo Sacchetti a chiamare il time-out. Ma Sassari ha sempre un asso nella manica, che questa volta si chiama Ignerski che con 2 tiple consecutive riporta gli ospiti avanti di 7 per il 69-75. Cinciarini con un’altra tripla riporta sotto Montegranaro che spreca diverse occasioni, ma con una palla recuperata da lo stesso Daniele sigla il 73-75.  Oramai sembra di assistere ad una lotta a due Ignerski-Cinciarini. Il Sassarese sembra non voler più sbagliare, e mette una tripla importantissima per il 73-78. Si entra nell’ultimo minuto dove segnano entrambe le squadre con Trevis Diener e Mazzola. La Sutor è costretta a fare fallo visti i pochi secondi ancora rimasti. Drake Diener non sbaglia e porta gli ospiti avanti di 6. Di Bella porta palla e tira immediatamente ma sbaglia, Mazzola prende il rimbalzo ma sbaglia anche lui. I locali provano a difendere, ma lasciano scoperto il pitturato dove Easley schiaccia. Time out Sutor che porta ad una tripla, l’ennesima, di Cinciarini per il 79 a 84. Si chiude con due tiri liberi per Easley che ne realizza solo uno per il punteggio finale di 79 a 85. Nominato miglior giocatore dell’inconto dalla stampa Valerio Mazzola.

La Sutor ci ha provato, ma nel quarto decisivo, è arrivata con il fiato corto dovuto alle rotazioni ridotte rispetto a Sassari.  Al momento rimane un caso Steele, che senz’altro è condizionato dall’infortunio riportato ad una settimana dall’inizio del campionato nel torneo di Ancona, ma che deve sicuramente fare di più in quanto nelle prime 2 gare non ha ancora segnato un punto. Burns, nel primo tempo devastante, deve ancora lavorare in palestra per arrivare ad essere incisivo per tutto l’arco della gara. Il suo bottino di 10 punti e 11 rimbalzi è di tutto rispetto, ma se si pensa che nel secondo tempo ha fatto registrare solo 4 rimbalzi si capisce il trend della sua prestazione. La Dinamo invece ha convinto maggiormente. Del resto avere una coppia come i cugini Diener è molto importante e lo score odierno di 34 punti in due ne è la prova. Inoltre, se si trova un giocatore come Ignerski che per i primi tre quarti tira con 0 su 4 dalla linea dei tre punti, ma che nell’ultima frazione piazza un 3 su 3 è tutto più facile.  Buono anche l’apporto della panchina che ha visto tutti e 5 i giocatori andare a segno e più in generale a dare il proprio fattivo contributo per raggiungere la vittoria.

Sutor Montegranaro – Banco di Sardegna Sassari 79-85 (16-20, 39-39, 56-56)

 

Montegranaro: Steele , Cinciarini 22, Panzini , Perini n.e., Slay 17, Piunti n.e., Freimans 5, Campani , Di Bella 5, Mazzola 20, Johnson , Burns 10.
Sassari: Devecchi 3, Thornton 8, Ignerski 12, Diener T. 19, Sacchetti 8, Diener D. 15, Vanuzzo 3, Pinton 3, Diliegro 4, Easley 10.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata