Roma-Siena vale un posto al sole per i playoff: tutto sul big match della decima giornata

Aria di big match nel posticipo della decima giornata della Serie A Beko, di fronte infatti alle 20.30 al Palatiziano di Roma, la super sfida tra Acea Roma e Montepaschi Siena, nella terza riedizione annuale della finale scudetto 2013. Una vera e propria partita di cartello quella tra le due compagini che si trovano rispettivamente terza e seconda, a caccia di punti fondamentali per un posto al sole ai playoff; entrambe le formazioni arrivano allo scontro diretto reduci da confortanti ed agevoli vittorie fra le mura amiche nell’ultimo turno: i padroni di casa contro Pesaro, gli ospiti contro Avellino. Dalmonte proverà a invertire la rotta che vede Roma sempre sconfitta contro Siena negli ultimi confronti (82-70 all’andata al Palaestra, 76-67 nel primo turno di Final Eight) per dare una decisiva scossa in vista del piazzamento ai playoff, raggiungendo proprio Siena; Crespi non vuole invece mollare niente e punta deciso a centrare il secondo posto, forte di un periodo più che positivo dei suoi.

 

 

Chiavi tattiche e pronostico – La partita si presenta equilibrata e di incerto pronostico; entrambi i roster sono in un buon stato di forma pronti a dare battaglia per il finale di campionato. Roma riapre la sentita sfida ai campioni d’Italia con un Mayo e uno Szewczyk in più: il play ex Montegranaro ha avuto un impatto più che incisivo sia al tiro che in regia, il lungo polacco pur evidenziando i soliti limiti atletici ha implementato le possibilità sotto canestro dei romani, che punteranno molto sul tonnellaggio dei vari Eziukwu e Mbakwe per fare densità in area. Dalmonte sfrutterà tutta la lunghezza del suo roster e della sue armi a disposizioni, potendo contare anche su Hosley, inizialmente squalificato e poi riammesso in campo dal giudice sportivo dopo le intemperanze nel match con Pistoia. L’ala americana insieme a Bobby Jones sarà l’arma tattica del coach romano grazie alla perimetralità e all’atletismo vicino canestro. Crespi punterà tutto sul gioco di squadra, sul lavoro corale per esaltare il tiro da tre e il talento dei suoi singoli: se messi in ritmo, Green e Haynes possono spaccare la partita, per non parlare delle qualità dall’angolo di Carter. Da Siena si aspettano continuità e risposte anche da Hunter, rinato contro Avellino, e da Nelson, che può risultare decisivo con la sua agilità in avvicinamento a canesto. L’approccio alla gara sarà inoltre importante per vedere se Siena reggerà l’urto in difesa di Roma e della sua intensità, per ripartire in contropiede.

Qui Roma – I capitolini hanno avuto problemi di infermeria in settimana, con Tonolli, Jones e Mbakwe acciaccati ma che dovrebbero essere più che certi del match, in quanto si sono allenati regolarmente nell’ultimo allenamento mattutino. A proposito del match ha parlato coach Dalmonte: “Siamo consapevoli che si tratta di una partita molto sentita, sia per quel che ha rappresentato nel passato, ovvero nella finale del 2008, che ovviamente in quella dell’anno scorso. E’ chiaro che il valore del presente e quindi dell’attuale classifica, deve dare ancora più la consapevolezza del significato di questo scontro. Siena si è rinnovata, ha cambiato pelle e ha un organico di grande qualità. Ha un gruppo importante che è praticamente leader di se stesso, senza un giocatore unico a trainarlo. Abbiamo giocato 2 gare contro di loro, la prima con Jordan Taylor appena rientrato da un problema importante e la seconda in Coppa ancora orfani del playmaker. E in queste due occasioni abbiamo avuto approcci non positivi, però abbiamo avuto modo di acquisire esperienza. Ora proprio questa esperienza deve servirci per avere la consapevolezza di come di squadra dobbiamo affrontare un gruppo così solido. Mi sarebbe piaciuto affrontare la partita dopo una settimana tranquilla, invece abbiamo avuto tanti giocatori fermi, tanti in terapia, ma probabilmente tutti alla fine saranno della partita. Comunque dobbiamo essere capaci a livello mentale di andare oltre e presentarci a questa sfida al meglio possibile”.  In occasione della partita, sarà rilanciata la raccolta fondi per la “Basket for Fibrosi Cistica”, in accordo tra Legabasket e Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus.

Qui Siena – La Montepaschi ha oggi svolto l’allenamento di rifinitura, che non ha dato segnali negativi per quanto riguardi infortuni o convalescenze, come d’altronde il doppio allenamento della giornata di ieri. Anche coach Crespi ha parlato a proposito della sfida: “Ci troveremo di fronte una squadra in stabile crescita. Con l’addizione di Szewczyk, prima, e di Mayo, poi, il certosino lavoro di Dalmonte e la capacità di stare in campo di tanti giocatori di qualità ed esperienza, Roma è formazione con tanti situazioni di gioco efficienti. La nostra settimana è stata positiva, ogni giocatore sa di giocare una partita difficile e stimolante”. Come per il derby di Pistoia, grande attesa da parte dei supporters biancoverdi della Brigata Biancoverde, che hanno organizzato molti pulman e chiamato a raccolta i tifosi per una partita e una rivalità molto accesa.

Dove vederla – La partita sarà trasmessa in chiaro su RaiSport1 dalle ore 20.30, sulle frequenze di Radio Manà Sport (90,9 FM) e Centro Suono Sport (101 FM). Sul web sarà visibile la diretta su www.timeoutchannel.net, www.radiomanàsport.it e www.centrosuonosport.it.

Arbitri e precedenti –Gli arbitri della contesa saranno i signori Mark Bartoli, Lorenzo Baldini e Alessandro Vicino. I precedenti fra le due squadre dicono di 32-42 (26-14 Roma)

 

BasketItaly.it – riproduzione riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *