Road to Final8 – Brescia va a caccia di conferme

Due dei pilastri della Leonessa Brescia in vista delle Final8: Luca Vitali e Marcus Landry

La Germani Basket Brescia è alla sua seconda apparizione consecutiva alle F8 e si candida come una delle principali outsiders della competizione.

LA STORIA

Brescia torna alle Final8 dopo la partecipazione alla scorsa stagione, in cui raggiunse la semifinale e si arrese più per stanchezza che per demeriti al Banco di Sardegna Sassari.

IL MOMENTO DI FORMA

Dopo un avvio scoppiettante con 9 vittorie in fila, la Germani Basket sembra aver perso un po’ il bandolo della matassa, non riuscendo a imporre la propria difesa, come dimostrano diverse gare oltre gli 80 punti subiti (addirittura 100 contro Varese). L’apporto di Hunt è calato e Lee Moore non ha più quella esuberanza atletica che spaccava le partite nel secondo tempo. Brescia si presenta a Firenze reduce da due sconfitte di fila e da un record di 3-5 negli due ultimi mesi, non proprio il massimo per una competizione complicata come la Coppa Italia.

IL PUNTO DI FORZA

La consapevolezza di potersela giocare con tutti e di avere la capacità di ribaltare qualsiasi pronostico. La squadra di Diana l’ha dimostrato in stagione regolare battendo due volte Avellino, annichilendo Venezia e arrivando a un tiro dalla vittoria contro l’EA7. Il coach, tra l’altro, è stato capace di dare un’identità forte alla sua squadra nella metacampo difensiva e questo, unito all’esperienza di Luca Vitali e David Moss, può risultare il fattore più importante per stupire ancora.

IL PUNTO DEBOLE

Come detto, Brescia arriva a Firenze non nel momento più brillante della stagione. Se il periodo di down di Michele Vitali sembra superato, il resto della squadra non brilla per la sua condizione. Sappiamo, tuttavia, che le squadre durante la Coppa Italia riescono a trovare energie nascoste e una squadra con tanta esperienza sulle spalle e che si conosce bene, può riuscire a nascondere facilmente questo problema.

OBIETTIVO

Fare una bella figura come lo scorso anno. Il quarto con Bologna è quello che sulla carta si presenta come il più equilibrato, quindi già arrivare in semifinale sarebbe un buon risultato, anche perché poi a sognare la finale è un attimo…

 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *