Ritorna il campionato e con lui il CountDown di BasketItaly.it

Vi siete persi la seconda giornata di LegaA?? Rivivetela con il nostro CountDown, 10 pillole fra voti, curiosità e statistiche, per ripecorrere con il nostro conto alla rovescia le 8 gare del secondo turno 2013 – 2014

10: Come il voto che spetta all’espressione di Quinton Hosley nella foto che campeggia in home page nelle slide del sito della LegaA. Non sappiamo che cosa sia stato immesso nel circuito dell’aria condizionata della Unipol Arena, ma di sicuro era roba buona; così come la prestazione di Roma che con le sorprese Bologna e Caserta, si conferma fra le tre formazioni a punteggio pieno. SOLIDE

9: Come i tiri da due punti per Andre Smith; tutti a segno per 18 punti di fabbricato. Il lungo ex Caserta in 26′ di utilizzo gioca una partita da assoluto dominatore sotto le plance, portando gli avversari a lezione con movimenti sul perno da far vedere ai ragazzini delle scuole basket, mettendola in qualunque modo. Palla a lui sotto canestro e i due punti sono in cassaforte. Le 4 palle perse son l’unica nota negativa di una prestazione da incorniciare. ESEMPIO

8: Come il voto a Chris Roberts indiscusso Mvp della gara Pesaro vs Caserta. La guardia della Pasta Reggia è praticamente in qualsiasi zona del campo e nei momenti topici della partita è sempre pronto a farsi coinvolgere dai propri compagni. A tabellino mette a segno 22 punti (8/10 da 2), acciuffa 3 rimbalzi, recupera 2 palloni e regala addirittura 2 assist a Moore, SPINA NEL FIANCO.

7: Come i punti della Granarolo Bologna nel primo quarto; inizio shock per i ragazzi di Bechi, che si sono visti subito costretti a recuperare 21 punti dopo 10′. Walsh che non ha una sorella di nome Brenda, ha comunque realizzato un canestro Hollywoodiano e ha di fatto completato la rimonta all’ultimo momento disponibile. Hardy poi ha completato il tutto con 10 punti in 5 minuti levando alla VuElle la possibilità di viaggiare a punteggio pieno. Vittoria dal peso specifico notevole, non tanto ora, quanto a Maggio. PROSPETTIVA

6: Come le conclusioni di Cortese sbagliate dalla lunga distanza, su 6 tentativi. Pistoia non trova i due punti, ma al di là degli errori del n°13, gli va dato atto che è l’unico tra i biancorossi a non mollare fino alla fine, atteggiamento necessario per trovare nel più breve tempo possibile la strada per la salvezza. DA IMITARE

5: Come gli errori al tiro di Drake Diener; se ancora non si era parlato di lui in questo CountDown, è solo perché in una giornata come quella di Domenica fanno più notizia gli SDENG che i CIUFF. 31 Punti e recordman di giornata in LegaA, UNA MACCHINA. Nell’ultimo quarto ne mette 18 e affonda i sogni di gloria di Cantù; partito dalla panchina perché la Dinamo avesse una maggiore consistenza difensiva, una volta entrato in campo non si è più fermato, non aveva davanti il canestro ma un canyon e non si è fatto pregare. Alla domanda “Ti piace il ruolo di sesto uomo?” lui ha risposto “NO” “ma anche se voglio giocare sempre, per il bene della squadra sono disposto a tutto”. CAMPIONE

Samardo Samuels, milano4: Come i tentativi che sono serviti a Milano per ritrovare la vittoria nel derby contro Varese; dopo 3 perse negli ultimi due anni, Banchi ha riportato il sorriso fra i tifosi delle scarpette rosse, il protagonista ha un nome: Samardo Samuels. Esordio col botto davanti al proprio pubblico con 24 punti e 11 rimbalzi. Fa vedere momenti di confusione ma fisicamente domina Hassel mettendo in evidenza anche una discreta mano dai 5 metri. Cosa vuole ora il pubblico della EA7? CONTINUITA’!

3 come 33.3 di Alvin Young vero e proprio leader dentro e fuori dal campo per Pesaro. Quando la partita sembra oramai essere definitivamente scivolata via a 37 anni suonati  decide di riaprila facendo letteralmente impazzire Hannah in marcatura a suon di piazzati e con 2 bombe micidiali. HIGHLANDER

2: Come le facce della Virtus Roma: dopo un primo tempo di rara bruttezza con soli 25 punti segnati e 9/31 complessivo al tiro, la truppa di Dalmonte rientra sul parquet con altro spirito e rifila agli avversari 42 punti con 8/15 da tre. Se Datome negli State è impegnato a farsi sorprendere dalla polizia ad una velocità troppo elevata; Roma non ha smesso anche senza di lui, di viaggiare a ritmi altissimi. CONCRETA

1: Come il tiro libero messo a segno da Stefano Gentile; Sacripanti lo ha voluto fortemente con se e non gli si può dar torto; si sbatte davvero come pochi, non forza, ma costruisce, non si scoraggia, ma ha faccia tosta, non sembra brillare eppure è il migliore dei suoi per valutazione. 13 punti e un solo errore dal campo, se l’anno scorso poteva essere considerato una sorpresa, quest’anno sembra davvero potersi consacrare. Scommettiamo che i 25 minuti di ieri saranno il picco minimo di utilizzo nel corso della stagione. GARANZIA

0: Come i minuti senza Basket di questa stagione; mentre siamo qua a parlare dell’ultimo turno di LegaA, inizia il nuovo turno delle coppe. Roma è già in Belgio pronta a scendere sul parquet e a seguire tra domani e dopo, saranno Sassari, Cantù, Varese, Siena e Milano a riprendere la palla a spicchi in mano; è tutto?? NO A Novembre parte l’Eurochallange con Reggio Emilia protagonista. Mai un attimo di respiro, ma sempre un piacere per gli occhi.

BasketItaly.it – Riproduzione riservata

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *