Reyer Venezia: finita una complicata preseason, si pensa al campionato.

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta e spazio all'aperto

“Meglio adesso che più tardi”. Questo in sostanza l’unico pensiero positivo dell’Umana Reyer Venezia sulla chiusura di un precampionato tribolato e pieno di infortuni che hanno colpito molti giocatori chiave del roster lagunare per annullare di fatto, o quasi, la preparazione tecnica e fisica. Perchè di tempo per crescere e sistemare i meccanismi della squadra per coach Walter De Raffaele non mancherà di certo.
E’ stato certamente un precampionato difficile, dodici amichevoli di preparazione con un ruolino di marcia in perfetta parità (6 vittorie e 6 sconfitte), con le ultime due partite al trofeo “Città di Sassari” che hanno visto venerdì una larga vittoria sull’Alma Pallacanestro Trieste per 79-48, poi nella serata di sabato una caduta rovinosa contro i padroni di casa del Banco di Sardegna Dinamo per 77-51.

https://twitter.com/REYER1872/status/1045734497860415494

https://twitter.com/REYER1872/status/1046134809813233664

Ma, risultati a parte, sono stati gli acciacchi e gli infortuni ad aver tormentato gli oro-granata, con l’ultimo k.o. fisico arrivato nel match contro i neo-promossi giuliani per Julyan Stone, uscito nel primo quarto per un colpo alla schiena dopo essere caduto male sul parquet in seguito a un rimbalzo. Non si dimentica la solita assenza del pivot Mitchell Watt, ormai assente dal campo di gioco da ormai un mese per un’infiammazione al ginocchio, e non è dato sapere quanto potrà tornare a giocare. E Gasper Vidmar? Settimana scorsa sembrava ormai cosa fatta, ma il pivot sloveno, presente da mercoledì scorso a Mestre, non è ancora stato ufficializzato dalla società oro-granata (forse oggi? Domani?), segno che c’è qualche problema nelle richieste del giocatore nel contratto e quindi di cifre. Diventa una corsa contro il tempo per l’Umana Reyer che deve sbrigarsi a risolvere la “grande grana” del centro, dato che domenica 7 Ottobre al PalaTaliercio (ore 18:15) inizia il campionato di Serie A1 con l’arrivo della Fiat Auxilium Torino di Larry Brown, finalista della Supercoppa giocata ieri sera al PalaLeonessa di Brescia e vinta dall’Olimpia Milano per 82-71. Senza dimenticare che poi martedì 9 alle ore 20:30 si alzerà il sipario anche sulla FIBA Champions League, e l’avversario sarà il PAOK Salonicco dell’ex capitano Phil Goss, sempre al PalaTaliercio.