Reyer Venezia devastante, Cantù finisce al tappeto 107-83

L’Umana Reyer Venezia supera la Red October Cantù per 107-83 e risponde presente a Milano raggiungendola in testa alla classifica. Dopo lo 0-2 iniziale, I campioni d’Italia hanno sempre condotto un match senza storia e decidendolo nel terzo quarto conclusosi 30-18 per Venezia per il 79-56 del 30′. Per Cantù nulla da salvare, Burns completamente annullato dalla difesa reyerina, Culpepper e Smith hanno raggiunto la loro doppia cifra di punti a buoi ampiamente scappati. Ora Venezia è attesa dal quarto di finale di andata di Fiba Europe Cup, mercoledì al PalaTaliercio arrivano i russi del Nizhny Novgorod.

CRONACA_ In avvio Daye si vede già fischiare due falli. Thomas segna i primi punti del match, ma la Reyer con difesa attenta risponde con un break di 12-2 mandando a segno tutto il quintetto per il 12-4 dopo 5′, time-out Sodini. Thomas e Culpepper provano a mettere in ritmo i compagni, ma la Reyer aumenta il divario con Daye, Bramos, De Nicolao e Peric per il +12 a chiudere il primo quarto sul 28-16. Fa il suo esordio Sosa, un positivo De Nicolao con continue penetrazioni e Biligha portano gli oro-granata sul massimo vantaggio di +14. I brianzoli con Cournooh ed Ellis non mollano però la presa, 32-20 al 13′, time-out De Raffaele. Arriva il primo momento di difficoltà per i padroni di casa, Thomas con la complicità di Cournooh lima il passivo per il -6 Cantù al 17′, 38-32. Venezia tocca il bonus di falli commessi già dopo 5′ del quarto, ma Watt è un cardine in attacco e la Reyer ritorna sopra la doppia cifra di vantaggio, 42-32 al 17′, time-out Sodini. La tripla di Ellis riporta sotto di 6 gli ospiti sul 44-38 al 19′, Haynes con la bomba non ci sta e il solito Mitchell Watt gli da una mano per il +11 casalingo di fine primo tempo, 49-38.
Si rientra in campo e la Reyer tempesta il canestro di Cantù con le triple di Haynes, Bramos e Jenkins toccando il +17 al 25′, 65-48, Sodini non può che chiamare time-out. Ma Cantù perde palloni sanguinosi, Venezia con un Watt solido in attacco e i canestri di Peric va sul +21 al 28′, 73-52. Culpepper e Parrillo provano a dare una sveglia, ma non c’è niente da fare per la Red October con il loro principale giocatore Burns impalpabile a fermare con un antisportivo Biligha che trasforma i liberi. Il canestro di Peric in penetrazione a fil di sirena chiude il terzo quarto sul 79-56, +23. L’ultimo periodo si apre con la Reyer a toccare il +25 con De Nicolao e un ottimo Biligha tocca il +27, 88-61 a 6’43” dalla fine, time-out Sodini. Venezia tocca il +32, Biligha è devastante in difesa con una stoppata siderale su Chappell da Top 5 della settimana. Sosa segna il suo primo canestro reyerino e Venezia controlla fino al termine e supera quota 100. Finisce 107-83.

MVP BasketItaly.it: Mitchell Watt.

Umana Reyer Venezia – Red October Cantù 107-83 (28-16; 49-38; 79-56)

Venezia: Haynes 11, Peric 14, Sosa 5, Bramos 10, Tonut 6, Daye 7, De Nicolao 8, Jenkins 10, Ress ne, Biligha 15, Cerella 3, Watt 18. Coach: Walter De Raffaele.

Cantù: Smith 14, Culpepper 18, Cournooh 7, Parrillo 5, Tassone, Maspero ne, Raucci ne, Chappell 12, Burns 4, Thomas 15, Ellis 8. Coach: Marco Sodini.

Arbitri: Tolga Sahin, Evangelista Caiazza e Nicola Ranaudo.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata