Reyer Venezia: Dalipagic torna a vestire la casacca oro-granata

Drazen “Praja” Dalipagic torna a vestire la casacca orogranata. Non da giocatore, s’intende, bensì il cannoniere serbo, idolo dei tifosi reyerini nonché icona del basket internazionale, da oggi sarà consulente per l’estero dell’Umana Reyer.

Il pluridecorato ex cestista sarà da domenica a Venezia per iniziare questa collaborazione e resterà in città per tre giorni durante i quali presenzierà alla partita Umana Reyer-Cimberio Varese e inizierà a svolgere le sue nuove funzioni che lo vedranno impegnato tanto con staff societario e prima squadra quanto con il settore giovanile. Di fatto Dalipagic sarà un ambasciatore dell’Umana Reyer nell’Est europeo ed in particolare in Serbia dove risiede. A lui spetterà il compito di allacciare relazioni, sviluppare sinergie e segnalare giovani prospetti interessanti.

“Siamo felici di poter annunciare questa collaborazione con una figura di primaria importanza per la storia della Reyer, per il basket serbo e per la pallacanestro più in generale – il commento di Federico Casarin – Per quello che ha sempre saputo trasmettere e per quello che rappresenta è per noi molto importante poter contare sulla sua collaborazione. Già quando era stato ospite della Reyer nella stagione 2009/2010 abbiamo riscontrato subito un gran feeling in primis con il presidente Brugnaro. Un feeling che si è poi consolidato in occasione della tournée in Serbia la scorsa estate. Il suo ruolo sarà di consulente per l’Est europeo e seguirà anche la crescita dei giovani atleti cercando di trasmettere loro la sua grandissima esperienza. Sarà anche un modo di estendere la reyerinità oltre i confini, mantenendosi in stretto contatto con lo staff societario”.

Direttamente da Belgrado, dove risiede, questo è invece il commento di Drazen Dalipagic su questa partnership che verrà sancita domenica al Palaverde: “Sono felice di potermi legare nuovamente alla Reyer. Ogni volta che mi chiamano da Venezia è una grande emozione, e tutte le volte che mi è capitato di tornare qui è stato sempre un colpo al cuore ripensando a questa squadra e a questa gente. Più passano gli anni e più penso che la parte più significativa della mia vita sportiva è stata a Venezia. Nonostante siano stati “solo” quattro anni conservo esclusivamente bei ricordi, nessun fischio e nessuna cosa negativa. Mi fa quindi immenso piacere riabbracciare la Reyer grazie al Presidente Brugnaro che ho incontrato per la prima volta due anni fa e che ho conosciuto meglio lo scorso settembre. E’ un personaggio incredibile, che vuole certamente fare le cose in grande per la Reyer ed oggi come oggi è difficile trovare una persona del genere che voglia portare in alto una società come lui sta facendo. Allo stesso tempo trovo che sia una persona sempre molto disponibile. E’ ambizioso e si vede che ama questa società e questa città”.

Fonte: Ufficio stampa Reyer Venezia

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata