Pilepic: “C’è frustrazione. Dobbiamo migliorare in difesa, siamo da Playoffs”

Pilepic

Le parole della guardia di Cantù Pilepic a “La Provincia”

“L’ambiente mi piace e la società è molto organizzata È chiaro però che avrei voluto iniziare la stagione diversamente e non con due sconfitte. C’è un po’ di frustrazione anche perché il club arriva da un anno non positivo e per questo volevamo assolutamente partire con il piede giusto. Non è facile però mettere insieme l giocatori nuovi, che praticamente non si conoscevano, in poco tempo. In più siamo stati anche sfortunati con l’infortunio a Dowdell a cui si sono aggiunte le cattive condizioni fisiche di Laganà. Giocare con un solo playmaker a Brescia è stata chiaramente una cosa complicata. Ora fortunatamente abbiamo due partite in casa e dobbiamo vincerle entrambe per riportare il bilancio in pari e vedere la stagione, che comunque è lunga, da un’angolazione migliore».
«Senza Dowdell abbiamo perso un riferimento e, come accennavo non è facile giocare con un solo play. Per questo ci serve tantissimo l’innesto di Waters e dovremo essere bravi nell’inserirlo nel gruppo nel più breve tempo possibile perché intanto sto avendo la conferma che il campionato italiano è uno dei migliori in Europa: equilibrato e con diverse squadre di grande qualità Se guardo il nostro roster penso sia uno dei migliori della serie A e per questo sono convinto che il nostro obiettivo debba essere quello di raggiungere i playoff»
Il tiro da 3 sugli scarichi il mio Punto forte e la difesa il punto debole? Direi di sì, questo è quello che emerso nelle prime due giornate. Credo che ingeneratela squadra debba crescere in difesa perché abbiamo subito troppi punti, ma penso altresì che dopo una sconfitta ogni giocatore debba guardare in primo luogo ai propri errori e sicuramente la mia difesa nelle due gare è stata negativa Sono frustrato per questo soprattutto per l’esordio con Venezia perché era una partita punto a punto e senza qualche errore avremmo potuto vincere. In particolare a inizio dell’ultimo quarto eravamo pari e ogni possesso era doppiamente importante. Con Brescia ho mostrato qualche progresso, ma non è ancora sufficiente».

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *