Parte la stagione di Cremona: al PalaRadi arriva la Virtus Bologna

Bologna, Roma, Teramo, Milano, Venezia, Avellino e Treviso: sono le sette avversarie che sul finire della scorsa stagione, sono uscite a mani vuote dal PalaRadi. PalaRadi, appunto, inviolato e imbattuto dal 12 febbraio scorso, dall’avvento di Jason Rich in maglia Vanoli Cremona. Una ad una tutte le squadre sopra citate, sono cadute nell’impianto cittadino cremonese; la Vanoli, dunque, si presenta ai nastri di partenza della sua quarta stagione in Serie A, forte di sette vittorie consecutive davanti al pubblico amico, e riparte proprio da dove era iniziata “l’epopea” casalinga, contro la Virtus Bologna.
Se della rivoluzione del roster della compagine cremonese, che ha pescato a piene mani dalla Legadue, per costruire la squadra di questa stagione, puntando su molte scommesse; anche la Virtus Bologna, rispetto all’ultimo torneo, ha cambiato completamente volto, perdendo giocatori del calibro di Koponen, Sanikidze e Douglas Robert: in cabina di regia il confermato Peppe Poeta, chiamato a gestire il ritmo dell’attacco; nello spot di guardia, il rookie Kenny Hasbrouck, classe 1985, lo scorso anno in forza all’Oldenburg in Germania.

Nelle intenzioni di coach Finelli, Hasbrouck ricopre il ruolo della prima punta, l’attaccante principe; mano educata dall’arco, 43% in campionato e 44% in EuroChallenge e ottima capacità di tirare sfruttando l’uscita dai blocchi. Lo spot di ala sarà ricoperto da Viktor Gaddefors, nell’ultima stagione in forza ad Avellino, al quale la stessa Virtus lo aveva girato in prestito; quest’anno, invece, la società ha deciso di puntare sullo svedese, affidandogli un posto in quintetto. Il ruolo di ala grande, invece, è affidato a Steven Smith, giocatore di notevole esperienza europea, avendo girato tra Spanga Germani, Israele, e nell’ultima stagione Grecia, sponda Panathinaikos, alla corte di Obradovic. Nella stagione 2007/2008 ha giocato 12 partite con la maglia della Solsonica Rieti, allenata da Lino Lardo. Sotto i tabelloni, invece, sarà ballotaggio tra Angelo Gigli e Mason Rocca, con il primo favorito a partire nello starting five; due giocatori di grande spessore, esperienza e senso tattico. La panchina, invece, sembra essere il “punto debole” della Virtus; Ricky Minard e Mason Rocca a parte, a completare il roster, la dirigenza ha puntato su molti atleti giovani, ma di grandi speranze. Il playmaker Imbrò, la guardia Moraschini, l’ala-centro Parzenski, Fontecchio e Michele Vitali, fratello di Luca, suo avversario proprio nell’esordio.
Per preparare la partita al meglio, estraniandosi da tutto, la Virtus Bologna, controcorrente rispetto a quanto sempre accaduto per le avversarie di Cremona, ha deciso di alloggiare non in città, ma in una cittadina di provincia, Castelleone.
In pre-season la Vanoli Cremona ha alternato buone prove, leggasi vittoria contro il Cska Mosca, ad altre meno positive, vedi Biella; poche volte si è vista la squadra di coach Caja cercare il lungo nel pitturato, anzi, si è prediletto il gioco perimetrale, con le penetrazioni di Johnson ad armare la mano calda di Jackson ed Harris. Le statistiche sono a favore della Virtus, che ha vinto ben 4 dei sei precedenti con la compagine lombarda; anche coach Attilio Caja non vanta una serie positiva contro Bologna, avendo rimediato solamente 12 vittorie e ben 28 sconfitte. I pronostici, però, sono fatti per essere sovvertiti e non sempre la squadra di maggior caratura riesce ad avere la meglio. Soprattutto se il match avviene all’inizio del campionato, dove tutte le squadre partono con numerose incognite e poche certezze.
Cremona-Bologna, Bologna-Cremona, sfide che hanno sempre regalato grandi emozioni, e supplementari, ben tre, addirittura, in una partita; dalle ore 16:10 di domani, i riflettori saranno puntati sul PalaRadi, teatro della prima recita per entrambe le squadre. Partire con una vittoria, sarebbe di buon auspicio per il nuovo corso della Vanoli Cremona; l’ora dei preamboli è finita, inizia la sfida, parola agli attori.

 

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata