Olimpia Milano: Cusin prende il 22, Goudelock è il primo 0 di Milano

andrew goudelock 2017-08-10

Agent Zero era il soprannome di Gilbert Arenas, devastante bomber dei Washington Wizards un decennio fa. Agent Zero era il soprannome di Andrew Goudelock quando andò ai Lakers e un po’ prima che Luke Walton inventasse Mini-Mamba e Kobe Bryant adottasse il nickname. Il numero 0 voleva essere una sorta di ripartenza dopo il quadriennio di College of Charleston. Goudelock che al college indossava il 3 e a Kazan il 30, in seguito è rimasto fedele allo 0 che  lo identifica. Nella nuova stagione sarà il primo numero 0 nella storia dell’Olimpia.
Jordan Theodore indosserà il 25 che ne ha contraddistinto i grandi successi a Fraport e Bandirma. Il 25 è stato il primo numero milanese di Alessandro Gentile: quando arrivò all’Olimpia il 5 era occupato da Jacopo Giachetti. Theodore ha scoperto il 25 in Europa: a Seton Hall aveva giocato con l’1 e il 10.
Marco Cusin ha scelto il numero 22 che a suo tempo era stato il numero di JR Bremer.
Simone Fontecchio è tornato all’originale numero 13. È sempre stato il suo numero fin da bambino e l’aveva mantenuto. Quando è arrivato a Milano il 13 era occupato da Milan Macvan e lui aveva scelto il 2. Partito Macvan, è rapidamente tornato al passato. Sarà lui il 13 dell’Olimpia, numero che nella storia è stato indossato da Giando Ongaro, Paolo Bianchi, Ken Barlow e Ricky Brown.