Montepaschi Siena: Bobby Brown e Big Ben trascinano Siena, Brindisi ko

La Montepaschi Siena mette il primo sigillo stagionale e si riscatta dalla partita di Supercoppa. Nell’anticipo della seconda giornata di campionato di serie A maschile, gli uomini di coach Banchi travolgono, davanti al caloroso pubblico toscano, l’esordiente Enel Brindisi con il punteggio di 92-65.

La rivoluzione realizzata quest’anno in casa Montepaschi ha spostato, secondo le opinioni generali degli addetti ai lavori, i favori del pronostico per la squadra del Presidente Minucci. Ma ai biancoverdi è bastato scendere in campo per dimostrare il loro disaccordo a queste “voci”. E’ solo la prima, è vero. Ma c’è da dire che, spesso più che i giocatori, quello che conta alla lunga è l’ambiente. E non si può negare che, in questi anni, la compagine senese è riuscita a comporre un “habitat” solido e professionale, prima ancora di una corazzata. Sembra quasi che chiunque indossi la maglia biancoverde, non lo fa semplicemente per giocare nella Montepaschi, ma lo fa per vincere. Questo si è visto senz’altro stasera sul legno di viale Sclavo. Palla a due e Bobby Brown mette subito in chiaro le cose: Siena piazza un parziale di 11-0 dopo 4 minuti di cronometro. Marco Carraretto e Sanikidze lavorano bene dentro e fuori l’area, costringendo l’Enel a commettere fallo. Arriva il primo canestro degli ospiti, in piena difficoltà offensiva, con un tiro dall’arco di  Reynolds, ma “Big Ben” Eze esplode con una spettacolare schiacciata, mentre Brown infila ancora una tripla per il 16-7 al 6° minuto di gioco. David Moss e Hackett non si trattengono a dir la loro e Brindisi prova a restare a galla con Gibson, Reynolds e Robinson: 25-17 alla fine del quarto. In ripresa, Brindisi prova a portarsi sotto col punteggio con le giocate di Simmons e Gibson dal perimetro, ma non trova l’impatto. Siena mantiene ferma la testa avanti con Rasic e Sanikidze, trovando un porto sicuro nel suo “centro” nigeriano: Eze si dimostra un giocatore dalle indiscutibili qualità verticali. Nell’altra metà campo, Gibson e Formenti rispondono di tutto tono, risalendo di nuovo sotto di 1 punto (43-42) e l’intervallo si chiude su questa scia. All’inizio del terzo quarto, la parola è data a Bobby Brown e Siena prova ad accelerare. Brindisi non è molto d’accordo e Viggiano scalda la mano. Prima che il sipario cali, Eze ritrova la doppia cifra di vantaggio per Siena e una tripla di Kangur registra un 67-54 a favore dei biancoverdi. Nell’ultima frazione di gioco, i primi minuti scivolano in contesa, Kangur trova il ferro e Moss piazza quattro punti di fila. L’Enel fatica a stare dietro ai senesi, a causa forse di una forma fisica non ancora ottimale, mentre l’uomo-squadra Brown gestisce brillantemente la palla. Rasic, Kangur e Moss abbassato definitivamente il tendone del PalaEstra, con un gioco da tre. Domenica 30 settembre, ore 20.30, la gara valida per la prima d’andata, Trenkwalder Reggio Emilia-Montepaschi Siena.

 

MontePaschi Siena: Kasun 6, Brown 18, Eze 12, Carraretto 7, Rasic 9, Kangur 9, Sanikidze 9, Ress, Lechthaler, Janning, Hackett 7, Moss 15. Coach: Banchi

Enel Brindisi: Viggiano 11, Robinson 4, Reynolds 8, Formenti 10, Fultz 4, Ndoja, Simmons 7, Zerini 3, Gibson 17, Grant 1. Coach: Bucchi.

Parziali: 25-17, 43-42, 67-54, 92-65