Montegranaro corsara: espugnato il PalaDelmauro all’esordio

Comincia male il campionato della Sidigas Avellino, che al debutto stagionale è stata sconfitta tra le mura amiche del PalaDelmauro dalla Sutor Montegranaro per 74-82. Allo stesso tempo comincia nel migliore dei modi la stagione per i marchigiani, che con la vittoria in terra irpina confermano il buon precampionato (NDR peraltro le due squadre si affrontarono tre settimane fa nella finale del trofeo Cezza a Trani, ed in quell’occasione vinsero i biancoverdi avellinesi).

 

La gara è stata sempre condotta nel punteggio dai marchigiani (l’unica volta che irpini sono stati avanti nel punteggio sul 1-0 iniziale con un tiro libero di Shakur), che dal mini allungo del 4-10 al 3’ con una bomba di Di Bella non sono più stati ripresi dai biancoverdi. Gialloblù ospiti che con una bomba di Burns (nella foto in alto a sinistra) raggiungevano già la doppia cifra di vantaggio nel finale del primo quarto (10-20 al 9’). Gli uomini di Recalcati raggiungevano il nuovo massimo vantaggio sul +12 (15-27 al 12’), ma Avellino reagiva con un parziale di 7-0, e si riportava sul -5 (22-27 al 14’). Si andava  all’intervallo lungo con gli ospiti di sei lunghezze (37-43 al 20’). Il terzo quarto è stata la frazione decisiva dell’incontro: Avellino infatti ricuciva lo svantaggio fino al -3 (44-47 al 24’), ma poi gli uomini di Valli avevano un clamoroso black-out, e Montegranaro con un parziale di 15-1 spaccava la partita in proprio favore (45-60 al 30’). Marchigiani, che raggiungevano il massimo vantaggio sul +19 (51-70), con sei minuti da giocare sul cronometro, ed incominciavano a gestire l’ampissimo vantaggio in proprio favore. Avellino con i canestri di Richardson e Warren arrivava al di sotto della doppia cifra di svantaggio nell’ultimo minuto di gioco (70-78), ma oramai era troppo tardi per i biancoverdi per tentare una clamorosa rimonta.

Coach Valli è stato buon profeta alla vigilia, quando nella conferenza stampa pre gara aveva detto di avere una squadra ancora in ritardo di preparazione, ed inoltre con l’importante assenza della guardia Hardy. Sull’altra sponda, invece, coach Recalcati ha avuto la giusta risposta in termini di personalità della sua personalità su un campo ostico e difficile come quello di Avellino, e ha potuto contare, anche, sul buon apporto dell’ultimo arrivato Rolands Freimanis.

Sidigas Avellino-Sutor Montegranaro 74-82 (13-22, 37-43, 45-60)

Avellino: Warren 7, J. Richardson 23, Spinelli 13, Dragovic 11, Shakur 10, L. Johnson 6, Ebi 4

Montegranaro: Cinciarini 15, T. Slay 15, Campani 3, Di Bella 8, Mazzola 7, K. Johnson 4, Freimanis 13, Burns 17