Milano-Brescia, sfida importante per prepararsi alla Coppa Italia

david-moss-brescia-2016-10-24

La diciannovesima giornata di Serie A (ultimo turno prima delle Final Eight) mette di fronte, sul parquet del Mediolanum Forum, due squadre lombarde: l’Olimpia Milano e la Leonessa Brescia. Sarà la partita del ritorno a Milano, come ex di David Moss che con la maglia dei biancorossi vinse lo scudetto numero 26 nel 2014. Entrambe le squadre saranno impegnate in Coppa Italia e la sfida sarà perciò fondamentale per entrambe le formazioni per capire cosa migliorare in vista dell’evento.
Qui Milano: L’Olimpia, vincente nelle ultime 54 sfide su 55 in casa, cercherà la sedicesima vittoria stagionale in campionato. Gli uomini di Repesa arrivano a questa sfida dopo la sconfitta subita in rimonta dall’Efes Istanbul e per la natura incerta del match i tricolori non dovranno concedere troppe occasioni agli avversari per non incappare in indesiderate rimonte. Dovrebbero essere a disposizione tutti e 13 i giocatori meneghini per la sfida di domani anche se Simon potrebbe restare a riposo per non affaticare la schiena in vista della Coppa. Milano ha ben quattro giocatori nella classifica top 5 della speciale statistica Plus/minus e si tratta di Macvan, Fontecchio, Dragic e Pascolo. Proprio Davide Pascolo è l’uomo del momento. Nell’ultima partita di campionato contro Varese ha segnato 16 punti, top stagionale, e se unita alla prestazione realizzata nel secondo tempo della sfida con il Darussafaka con cui Milano ha rimontato una sfida che sembrava persa, Dada diventa un’arma in più per l’Olimpia.
Qui Brescia: La Germani fa le prove in grande prima dell’esordio in Coppa Italia affrontando in trasferta la capolista del campionato. Brescia arriva dal successo contro Sassari nella scorsa giornata ed una seconda vittoria consecutiva prima della pausa per le Final Eight darebbe entusiasmo e slancio per affrontare l’impegno di Coppa. “Affrontiamo la squadra più forte del campionato – dichiara coach Diana – “Per affrontare Milano c’è bisogno di una partita di grande continuità. La gara d’andata ci ha dimostrato che l’EA7 è in grado di riuscire a realizzare grandi parziali in pochissimo tempo, sfruttando ogni piccolo momento di calo. Per questo dovremo rimanere in partita per tutti i 40′ e provare a giocarcela nei minuti finali. Anthony Morse? Si è allenato per la prima volta ieri dopo un viaggio lunghissimo, dovremo attendere almeno un paio di settimane per poter fare un bilancio. Ha grande energia ed è qui per aiutarci negli allenamenti, consapevole del suo ruolo. Ha accettato di venire a Brescia per crescere dal punto di vista individuale e il fatto che la nostra sia vista come una piazza dove poter lavorare e migliorare per noi è sicuramente un motivo di grande orgoglio”. La Leonessa potrà contare sul supporto di circa 800 tifosi in arrivo da Brescia.
La chiave tattica: La strategia che la Diana cercherà di mettere in atto per limitare Milano, sulla carta favorita, sarà quella di contenere la squadra di Repesa all’interno dell’area, non concedendo spazi e giocando forte sulla difesa. In attacco Brescia può contare sul miglior realizzatore della Serie A, Marcus Landry, che ha una media di 19.8 punti a partita. Grande supporto in attaco può essere aggiunto anche da Luca Vitali (altro ex del match) che ha la migliore media assist per partita del campionato (7.7). Nonostante i progressi visti da Repesa dopo la sconfitta di Istanbul gli errori fatti in quella partita saranno quelli su cui Milano dovrà concentrarsi per non ripeterli “nel secondo tempo abbiamo commesso errori che non dovevamo commettere difensivamente, a rimbalzo e in attacco abbiamo fatto troppi palleggi invece di fare un passaggio in più”.