La Virtus ringrazia Slaughter e torna alla vittoria. Cremona si arrende solo sul finale

Torna alla vittoria la Virtus Bologna, che con un finale al cardiopalma, riesce ad avere la meglio su Cremona, che è arrivata veramente ad un passo dall’espugnare il PalaDozza. Decisivo Slaughter, che con una gran giocata nel finale ha issato il punteggio sul 79-78 finale. Esordio da dimenticare per Baldi Rossi, che dopo soli due minuti dal suo ingresso in campo, sbatte il mento sul parquet e non rientrando più in partita.

Quintetti classici per i due allenatori, con Bologna che parte con Lafayette, Aradori, Gentile, Ndoja e Slaughter. Per i lombardi, coach Sacchetti schiera Travis Diener, Jhonson Odom, Martin, Milbourne e Sims.
Partenza a razzo della Virtus, ma vantaggio contenuto grazie ai rimbalzi offensivi di Cremona, che la tengono in partita senza far scappare i bianconeri. Alla prima sirena Bologna è avanti 23-16. Il secondo quarto inizia come il secondo, la Virtus tocca il massimo vantaggio sul 41-31, e quando sembra tutto apparecchiato per una facile vittoria felsinea, ancora una volta Cremona accorcia le distanze, e al riposo lungo la partita dice 40-36 per i padroni di casa. Mattatore della prima parte è sicuramente il cremonese Martin, con a referto 11 punti e la giocata della partita con una super schiacciata. Cremona esce dagli spogliatoi con un altro piglio: la squadra inizia a giocare come Sacchetti predilige e grazie alle triple e a due contropiedi (uno dei quali chiuso con una schiacciata di Milbourne) si arriva al massimo vantaggio lombardo, 48-54. Lawson e Slaughter danno però una svegliata alla Segafredo, con Bologna che torna avanti 57-56 con dieci minuti da giocare. In tutte le partite della stagione la Virtus ha chouso in vantaggio il terzo quarto.
Solito calo mentale per Bologna nell’ultima frazione, e in un amen Cremona si porta sul +4 grazie a 5 punti consecutivi di ricci. Da questo momento in avanti è partita punto a punto, con nessuna delle due squadre che riesce a prendere il largo. Due giocate difensive di S.Gentile sembrano portare la partita nella mani di Bologna (76-71), ma Cremona non va mai in crisi e con Odom riacciuffa il risultato sul 76-76. Con 8 secondi da giocare, Cremona si porta sul +2 con due tiri liberi di Sims, Gentile fa 1 su 2 ma a rimbalzo ci va Slaughter, che subisce fallo e porta la Virtus sul 79-78. Cremona con tre secondi da giocare riesce arrivare al canestro, ma per un decimo di secondo è fuori tempo e la Virtus Bologna torna alla vittoria che mancava da più di un mese.

Virtus : Gentile A. 12, Umeh 12, Pajola n.e. Baldi Rossi, Ndoja 6, Lafayette 8, Aradori 10, Gentile S. 4, Berti n.e. Lawson 13, Slaughter 14. All.re Ramagli
Cremona : Johnson-Odom 6, Martin 15, Gazzotti 3, Diener T. 2, Ricci 10, Ruzzier 3, Portannese, Sims 16, Diener D. 9, Milbourne 14. All.re Sacchetti

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *