La Reyer Venezia continua la sua pre-season tra assenze e qualche acciacco.

L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono, persone in piedi

Dopo le vittorie contro Forlì, Trieste e Pistoia (vittoria contro i toscani per per 79-74 venerdì), nella finale del Trofeo “Carlo Lovari” a Lucca è arrivata la prima sconfitta in pre-campionato per l’Umana Reyer Venezia per merito dei campioni d’Italia dell’Olimpia Milano che hanno vinto 90-72 dove spiccano i 31 punti di Mike James. Un -18 per la Reyer sempre costretta ad inseguire nel punteggio.

https://twitter.com/REYER1872/status/1038537335577698306

Al di là della sconfitta, che può ovviamente capitare nella logica del cammino pre-stagionale, destano qualche preoccupazione le assenze e gli acciacchi che stanno condizionando il gruppo in vista delle prime partite ufficiali che scatteranno tra un mese quando la Reyer il 7 Ottobre farà il suo esordio in campionato affrontando la Fiat Auxilium Torino in casa al PalaTaliercio, e il 9 contro il Paok Salonicco per il debutto in Champions League. Se le defezioni causa Nazionale di Paul Biligha e Stefano Tonut erano ovviamente “giustificate”, hanno impensierito quelle in serie di Andrea De Nicolao (problemi alla schiena al Torneo di Lignano, recuperati nel week-end di Lucca dove il giocatore di Camposampiero in finale contro Milano è risultato il migliore dei reyerini con 13 punti e 8 assist), Austin Daye e Julyan Stone con i due americani assenti sul parquet del PalaTagliate; Daye è fermo da una settimana causa un’infiammazione al ginocchio (con lo staff medico, scrive Il Gazzettino di oggi, ad assicurare il suo recupero) mentre Stone si è infortunato dopo 3′ del match contro Pistoia venerdì per un risentimento muscolare, contro Milano non ha giocato ed è rimasto a riposo. Problemi di natura fisica che rallentano il percorso di crescita del gruppo.

https://twitter.com/REYER1872/status/1038773609836281857

Questo il commento di coach Walter De Raffaele sulla due giorni di Lucca: “Credo che siano stati comunque due buoni giorni, due buoni allenamenti, sicuramente impegnativi con il livello che è cresciuto tra la prima partita contro Pistoia e la seconda partita contro Milano. C’è stata molta applicazione da parte dei ragazzi al di là di tutte le situazioni che possiamo commentare. Sappiamo che c’è ancora molto da lavorare ma la cosa migliore è certamente l’attitudine che abbiamo avuto nel cercare di ricucire, ma sicuramente Milano è stata migliore di noi. Obiettivamente c’è molto da fare, questo non ci spaventa, continuiamo a lavorare, andiamo avanti sperando che le situazioni che abbiamo pian piano migliorino (riferimento agli acciacchi e alle assenze). Ci rimbocchiamo le maniche però questo è un percorso che deve avvenire.”

Dopo esser rientrati sabato notte dalla Toscana, capitan Marquez Haynes e compagni hanno beneficiato di una domenica di riposo, ma martedì si prepareranno ad accogliere i tifosi oro-granata al PalaTaliercio: domani, martedì 11 Settembre, ci sarà infatti l’allenamento pomeridiano a porte aperte dalle 17 alle 19 (viene richiesto un rigoroso silenzio) con il pubblico che a fine seduta potrà fermare i giocatori per foto e autografi.

https://twitter.com/REYER1872/status/1037719232828592128

Poi, mercoledì, l’Umana Reyer si trasferirà a Cittadella per il match contro la Red October Pallacanestro Cantù per la seconda edizione del Trofeo della cittadina padovana. Un anno fa finì 91-68 a favore degli oro-granata.
La settimana oro-granata si concluderà con il week-end del 15 e 16 Settembre quando si disputerà il tradizionale torneo “Città di Caorle” al PalaMare che vedrà scendere sul parquet, oltre alla Reyer, anche la De’ Longhi Treviso di Max Menetti, l’Avtodor Saratov e il Brose Bamberg. Sabato le semifinali: ad aprire il torneo alle 18 l’incrocio tra Treviso e i tedeschi del Bamberg, alle 20.15 la seconda semfinale tra l’Umana Reyer e i russi di Saratov. Domenica in programma le due finali con alle 17 quella per il 3°/4° posto e alle 19:15 la finalissima per il trofeo.