La Reyer è un ciclone, Orlandina dominata 59-91

L’Umana Reyer Venezia sfata il tabù-trasferta a Capo d’Orlando sconfiggendo la Betaland 59-91 e si qualifica alle Final Eight di Coppa Italia. Partita senza storia al PalaSikeliArchivi dove gli uomini di Walter De Raffaele, dopo una gran partenza nel primo quarto chiusosi 18-34, hanno prima amministrato (33-48 all’intervallo) e poi preso il largo nel secondo tempo con un 11-18 di parziale andando sul +23 dopo 30′ e così l’Orlandina ha alzato bandiera bianca.
Prossimo incontro per l’Orlandina la trasferta di domenica 7 Gennaio al PalaDesio contro la Red October Cantù a mezzogiorno. Venezia invece, sempre il 7 Gennaio ma alle 17:00, giocherà in casa al PalaTaliercio contro la VL Pesaro.

CRONACA_ Partenza a razzo della Reyer con 5/5 al tiro con Mitchell Watt a dare il 3-11 dopo 2’24”, time-out Di Carlo. Continua a non sbagliare Venezia nelle conclusioni con 8/8 per l’8-19 dopo 4′, il team siciliano con Kulboka e Stojanovic cerca di riprendersi dallo shock (13-21 dopo 6’17”) ma la Reyer con lucidità e precisione guidata da Orelik e Johnson vola sul +17, 13-30 dopo 8′, altro time-out Di Carlo. Alibegovic con cinque punti di fila sveglia CDO per il 18-30, è stavolta De Raffaele a chiamare minuto di sospensione al 9′. Quattro punti di De Nicolao chiudono il primo quarto a favore di Venezia per 18-34. Per gli oro-granata 14/19 nelle conclusioni. Orelik mette il 18-36, Orlandina doppiata. Cala l’intensità in attacco della Reyer ma i padroni di casa non ne approfittano. La tripla di Haynes dà il +21 ospite sul 18-39, poi sussulto d’orgoglio CDO con Ihring e Ikovlev mentre Haynes piazza un’altra tripla, ma sta aumentando la difesa dell’Orlandina e De Raffaele capisce chiamando time-out, 24-42 al 16′. Peric riporta avanti l’Umana di 20 sul 24-44, ma la squadra siciliana con un mini break di 6-1 riduce il divario. La tripla di Tonut e il 2+1 di Ikovlev chiudono il primo tempo sul 33-48.
Si rientra sul parquet, Venezia torna sul +19 con Peric e Watt, 35-54 al 22′. I padroni di casa con Alibegovic e Stojanovic la mette d’orgoglio mentre Peric dall’altra parte si innervosisce, ma nulla più. Perchè Venezia controlla agevolmente grazie ai canestri di Tonut e De Nicolao, mentre Alibegovic ci mette una piccola pezza, però poca cosa per impensierire gli avversari che chiudono il terzo periodo sul 44-67 con la tripla di Tonut dall’angolo. Ultimo quarto. Capo non riesce a tornare sotto i 20 punti con Orelik e Tonut a rimpinguare il bottino per gli oro-granata che vanno sul +26, Wojciechowski mette il -24, troppo poco per CDO e Di Carlo chiama time-out sul 53-77 al 34’su un match che ha ormai preso la via di Venezia. Kulboka è l’ultimo a mollare per i siciliani, Biligha e soprattutto Peric chiudono definitivamente il match. Finisce 59-91.

MVP BasketItaly.it: Hrvoje Peric.

Betaland Capo d’Orlando – Umana Reyer Venezia 59-91 (18-34; 33-48; 44-67)

Capo d’Orlando: Galipò ne, Alibegovic 15, Maynor 4, Ihring 4, Atsur ne, Kulboka 14, Laganà ne, Delas 2, Wojciechowski 4, Stojanovic 9, Ikovlev 7, Donda. All. Gennaro Di Carlo.

Venezia: Haynes 9, Peric 20 e 11 rimbalzi, Johnson 9, Green, Tonut 11, De Nicolao 12, Orelik 19, Bolpin, Ress ne, Biligha 4 e 6 rimbalzi, Cerella, Watt 7. All. Walter De Raffaele.

Arbitri: Manuel Mazzoni, Valerio Grigioni e Christian Borgo.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata